Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Sarcedo

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Sarcedo

Descrizione

Il toponimo sembra provenga dal termine latino "querquetum" (querceto).
Comune in provincia di Vicenza, situato tra l'area collinare che anticipa le Prealpi ed una zona pianeggiante, il territorio di Sarcedo, particolarmente fertile, è bagnato dai torrenti Igna ed Astico.
Il rinvenimento di reperti di epoca neolitica attesta la presenza umana già durante la Preistoria, d'altra parte le caratteristiche morfologiche e la presenza dei corsi d'acqua inevitabilmente ha attratto nuclei di popolazione. Vi si stabilirono anche i Romani, come testimonia la presenza di una necropoli dell'epoca della colonizzazione del Veneto da parte di Roma. Benché le prime notizie documentate circa l'esistenza di un abitato stabile a Sarcedo risalgano all'anno 983, si ha motivo di ritenere che la fondazione dello stesso sia avvenuta all'incirca 100-200 anni prima. Il paese appartenne ai Conti di Vicenza ed ai Verlati e fu ceduto, nel XIV secolo, al comune di Vicenza. Fu coinvolto negli scontri tra i Della Scala ed i Carraresi e nel secolo successivo passò alla Repubblica di Venezia condividendone le vicende. Dopo la conquista da parte di Napoleone e l'acquisizione da parte dell'Austria entrò a far parte del Regno d'Italia.

Da vedere:

La chiesa di Sant'Andrea della seconda metà del Settecento nell'unica navata barocca possiede quattro altari laterali ed uno centrale, opere del Maganza, del Mariotti, del Verla e del De Pieri.
La chiesa di San Pietro in Bodo, citata già nel XIII secolo, fu fondata in epoca ancora precedente. Di grande semplicità, presenta una sola navata.
Villa Capra, costruita nella seconda metà del XVIII secolo, è anticipata da una scalinata, accoglie il visitatore con un pronao formato da quattro colonne con base e capitello ionico sormontate da un timpano arricchito da una greca e da statue.
Villa Zironda, edificata a metà del Quattrocento, è stata ampliata alla fine dell'Ottocento. Presenta belle finestre gotiche.
Villa Tretti risalente alla seconda metà dell'Ottocento.
Villa Suman della prima metà del XIX secolo.
Villa Franzan di epoca seicentesca.
Villa Saugo Belmonte.
Il lanificio Beaupain.
Il Molin Dell'Igna.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.847 volte.

Scegli la lingua

italiano

english