Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Bergantino

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Bergantino

Descrizione

Il toponimo, per alcuni, deriverebbe dal latino "brigantinum" (brigantino, una piccola imbarcazione condotta da un gruppo di pirati che, secondo una leggenda, si sarebbe arenata in un punto in cui il fiume Po crea un'ansa). Una seconda teoria vorrebbe farlo provenire dalla presenza di una tribù di origini celtiche, nota con il nome di Brigantii, mentre una terza corrente di pensiero rimanda alla corrispondente voce dal greco con il significato di palude fiorita.
Comune in provincia di Rovigo, situato sulla sinistra orografica del Po, nella zona occidentale del Polesine, il territorio di Bergantino è ai confini con la Lombardia.
Il ritrovamento di resti di abitazioni di epoca preistorica testimonia come la zona, all'epoca paludosa, sia stata scelta dall'uomo per edificarvi palafitte. Divenuta estrema propaggine della Gallia, fu colonizzata da Roma nel II secolo a.C.; caduto l'Impero romano, l'area trovò nel potere ecclesiastico un importante punto di riferimento. Il paese per moltissimi anni fu sotto l'influsso ferrarese e conteso da Verona; fu distrutto dai Veneziani nel 1482. Divenuto possedimento francese alla fine del XVIII secolo, passò poco dopo all'Austria condividendo con il resto del Veneto la storia più recente.

Da vedere:
La chiesa di San Giorgio, ricostruita nel corso del XVII secolo su un precedente edificio, possiede una facciata arricchita da semicolonne parallele e timpano. La torre campanaria fu edificata nella prima metà del Settecento dal Santini. Situata accanto alla chiesa, poggia su un tronco piramidale, ha sezione quadrata ed è decorata da larghe fasce che corrono lungo i quattro angoli unendosi perpendicolarmente alle cornici orizzontali che suddividono la struttura in tre parti. La cella campanaria è molto ariosa e sormontata da un tempietto. La chiesa ha all'interno tre navate e conserva una tela dipinta da Costa il vecchio ed una pala realizzata dal Crespi.
Il Castello Diani possiede una torretta di epoca cinquecentesca sulle rovine di un preesistente fortino distrutto nella seconda metà del XV secolo dalle truppe veneziane. Originariamente la struttura era circondata da un fossato e munita di ponte levatoio. Nel XIX secolo, Carlo Diani, divenuto proprietario, trasformò l'edificio in palazzo residenziale.
Palazzo Strozzi, al principio un casino di caccia settecentesco, ha subito diversi rifacimenti ed ampliamenti. Oggi presenta un bel portale ed un porticato. Ospita l'originale Museo della Giostra e dello Spettacolo Popolare dedicato agli spettacoli itineranti.
Il centro storico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.593 volte.

Scegli la lingua

italiano

english