Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Cordignano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cordignano

Descrizione

E' un comune in provincia di Treviso, situato ai confini con il Friuli Venezia Giulia, caratterizzato da un territorio molto eterogeneo che comprende zone pianeggianti ed zone montane oltre i mille metri di quota. Il paese è attraversato da fiume Meschio ed è impreziosito da eleganti ville settecentesche e chiese dalla grande valenza artistica. L'economia cittadina si basa sull'attività agricola, favorita dalla presenza dell'acqua, sull'artigianato e sull'industria. Pregiati gli oli ed i vini.
Dalle tracce rinvenute si evince che la zona fu scelta dall'uomo sin dalla Preistoria: il primo insediamento risale all'epoca compresa tra il 5000 ed il 3000 a.C. Con la colonizzazione romana l'area visse un periodo di grande sviluppo soprattutto in campo agricolo. Tracce documentate della presenza del paese risalgono all'anno 710 d.C., epoca in cui il territorio fu governato dai Longobardi. Fu possesso di diverse famiglie feudali, tra cui i Da Camino, i Rangoni, i Mocenigo.
Le vicende storiche successive furono condivise da Cordignano e dall'intero territorio trevigiano.
Da vedere:
La chiesa arcipretale dei Santi Maria Assunta e Cassiano, edificata in epoca seicentesca sui resti di preesistenti edifici romani e medievali, presenta una facciata delineata da lesene e colonne ed arricchita da nicchie e statue che, insieme con le finestre ogivali, creano straordinari giochi di luce. Sul tutto domina un timpano sormontato da tre statue; in posizione retrostante e laterale un altissimo campanile. Notevole l'effetto cromatico creato dalla cella campanaria in contrasto con la cuspide ed il corpo della torre. All'interno opere di Palma il Giovane, Tintoretto, Vecellio e De Min.
La chiesa di Santo Stefano in frazione Pinidello presenta affreschi realizzati dal Del Zotto.
La chiesa di San Zenone in frazione Silvella risale al Duecento.
La chiesa di San Valentino ha un piccolo campanile in pietra.
L'oratorio di via Isonzo a forma ottagonale.
L'oratorio di via Piave con timpano.
Il Palazzo del dazio di epoca cinquecentesca, un tempo sede doganale, presenta un vasto porticato con archi a tutto sesto e monofore.
Villa Rota Brandolini di epoca settecentesca.
Villa Mocenigo risalente al XVIII secolo.
Villa Pizzamiglio.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 21.050 volte.

Scegli la lingua

italiano

english