Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Salgareda

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Salgareda

Descrizione

Il toponimo deriva da "salghèr" ("salice", pianta molto comune nella zona).
Comune in provincia di Treviso, posto ai confini con il territorio veneziano e a poca distanza dal fiume Piave, Salgareda è dedito alle attività agricole, in ciò favorito dalla presenza di diversi corsi d'acqua.
Dai reperti risalenti all'epoca neolitica si evince che la zona è stata abitata sin dalla Preistoria. La colonizzazione da parte di Roma portò alla suddivisione dell'area in centurie, alla costruzione di una valida rete viaria e al progresso fino a quando, con la caduta dell'Impero Romano, la mancanza di una guida politica e i saccheggi perpetrati dalle orde barbariche non annullarono i preogressi ottenuti fino a quel momento. Furono i Benedettini a risollevare le sorti di Salgareda, attraverso la bonifica delle terre e la diffusione della cultura. Il territorio appartenne agli Ezzelini e fu coinvolto direttamente nelle vicende che li videro protagonisti nel periodo compreso tra l'XI ed il XIII secolo; nella prima metà del XIV secolo fu sotto i Della Scala. Il Settecento fu un secolo che mise a dura prova il paese, impoverito dalle inondazioni del vicino Piave e da altri disastrosi eventi naturali. Sul finire del XVIII secolo passò sotto l'Impero asburgico, come del resto l'intera regione, e fu teatro, nel 1917, degli scontri tra le truppe austriache, trincerate lungo il fiume, e quelle italiane.

Da vedere:

La chiesa di San Michele Arcangelo, di costruzione relativamente recente, risale ai primi anni del Novecento, è preceduta da un altissimo campanile a sezione quadrata movimentato da lesene ed arricchito da orologi, sulla sommità la statua di San Michele Arcangelo realizzata dal Paludetti. La facciata in stile neoclassico è scandita da quattro semicolonne con capitello, un portale con piccolo timpano inserito in un alto arco e sulla sommità un timpano, il cui perimetro è segnato da cornici e sormontato da statue. All'interno affreschi realizzati dal Donati e dal Favaro.
L'oratorio di Candolè, risalente alla prima metà del XVI secolo, è dedicato alla Natività di Maria.
La chiesa di Campodipietra risalente alla seconda metà dell'Ottocento.
L'oratorio di Sant'Antonio di epoca settecentesca.
L'oratorio della Beata Vergine della Salute.
La chiesa di Campobernardo.
Villa Rebecca.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 17.406 volte.

Scegli la lingua

italiano

english