Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Roncade

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Roncade

Descrizione

Il toponimo si ritiene derivi dalla unione delle due parole latine "terrae" e "runcatae", con il significato di "terre disboscate". Comune in provincia di Treviso, posto al confine con il territorio veneziano, in un'area pianeggiante e ricca di corsi d'acqua, tra cui il Meolo ed il Sile, che la rendono particolarmente fertile ed adatta alle coltivazioni agricole, Roncade è, oggi, un moderno centro industriale.
Le prime tracce che attestano la presenza umana nella zona risalgono al Neolitico; numerosi sono, inoltre, i reperti che documentano la colonizzazione da parte di Roma, l'evoluzione e lo sviluppo che ne conseguirono. Un ruolo decisivo giocarono in questo senso la costruzione di importanti vie di comunicazione che resero più spediti e sicuri trasporti e commerci. Con il progressivo sfaldamento dell'Impero romano, nel III secolo d.C., le terre, un tempo coltivate, tornarono incolte e furono occupate dalle popolazioni barbariche. Il Medioevo vide la famiglia dei Collalto assumere il controllo del territorio; successivamente le nobili casate venete ivi costruirono le loro residenze di villeggiatura. Il lungo periodo di governo della Serenissima apportò benessere e tranquillità a Roncade che divenne un centro commerciale di primaria importanza. Seguì la conquista da parte di Napoleone e degli Austriaci.

Da vedere:

La chiesa di Ognissanti, di epoca cinquecentesca, si presenta in stile neoclassico, abbellita da quattro colonne con ricco capitello e basi rettangolari, è interrotta da due finestre e da eleganti lesene. Sulla sommità si trova un timpano decorato da una vistosa greca e da un rosone. Il portale è sovrastato da una mezzaluna. La facciata risale alla seconda metà del XVIII secolo. All'interno dipinti settecenteschi realizzati da diversi autori, stucchi e decorazioni barocche.
Villa Giustiniani, di epoca cinquecentesca, presenta porticato, loggiato e barchesse, tutto intorno un giardino, mura dotate di merlature, torri angolari ed un ampio fossato.
La chiesa di Santa Maria di Castello risale al XV secolo.
Il castello di Biancade.
Villa Piccinin a San Cipriano.
Villa Perinotto.
Villa Vianello.
Villa Lettis.
Villa Calvi.
Villa Dary.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.134 volte.

Scegli la lingua

italiano

english