Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Rovigo, Vicenza e Treviso Miane

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Miane

Descrizione

Il toponimo sembra provenire dall'antroponimo romano Aemilius, probabilmente un veterano al quale furono assegnate terre in questa zona. Miane è un comune in provincia di Treviso, situato in una zona collinare alle pendici delle Prealpi, ai confini col il territorio bellunese. Nel centro si distinguono tre frazioni principali, Miane, Visnà e Vergoman, immerse nel verde intenso di un paesaggio estremamente suggestivo.
Le origini del borgo risalgono al periodo della colonizzazione romana, allorché in loco si venne a creare un "pagus" dipendente da un "municipium" (forse il vicino centro di Vittorio Veneto). Sotto il dominio di Roma la zona si sviluppò grazie alla bonifica dei terreni, alla divisione più razionale dei poderi, all'introduzione di metodi innovativi di coltivazione ed alla costruzione di strade (a poca distanza passava la via Claudia Augusta), rendendo più facili e sicuri gli spostamenti di uomini e merci. La dissoluzione dell'Impero di Roma e l'arrivo dei popoli invasori determinò un periodo di decadenza e disordine: grandi progressi ottenuti nell'epoca precedente furono cancellati e del passato rimase solo la suddivisione ecclesiastica, tra pievi e regole, che perdurò fino al XVIII secolo. A partire dalla dominazione veneziana fino ai giorni nostri, Miane ha vissuto le stesse vicende della regione.

Da vedere:

La chiesa arcipretale, risalente alla seconda metà del XIX secolo, presenta una sola navata e quattro cappelle laterali. Conserva pregevoli dipinti di autori quali il Bellucci, il Balliana, il Bianchi, il Dall'Oglio, un prezioso tabernacolo ed un altare marmoreo di ottima fattura. Il campanile, risalente al XV secolo, originariamente svolgeva funzione di torre di avvistamento e con molta probabilità faceva parte di una costruzione più vasta con funzioni di difesa.
Il santuario della Madonna del Carmine a Visnà, edificato nell'Ottocento, ha facciata neoclassica con semicolonne e timpano.
La chiesa di San Vito, situata a Visnà, risale al Trecento e conserva al suo interno una pala cinquecentesca.
La chiesa di Sant'Antonio Abate a Vergoman del XVI secolo conserva opere del Rossi e del Frigimelica.
La chiesa di San Michele del XIV secolo.
La chiesa di San Pietro del XIV secolo.
Il Capitel Vecio, un tempietto di antiche origini e di grande suggestione.
Villa Gera e Villa Bellati entrambe del Seicento.
Le carceri della Valmareno a Forca.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.670 volte.

Scegli la lingua

italiano

english