Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Monferrato e dintorni Pontestura

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Pontestura

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "pons turris" (ponte con torre), con riferimento all'antico ponte di epoca celto-gallica sul quale, secondo la leggenda, avrebbe transitato Annibale nel 218 a.C. e che permetteva a coloro che viaggiavano lungo la strada da Asti a Trino Vercellese di attraversare il Po. Comune in provincia di Alessandria, situato a 10 chilometri da Casale, è ricco di importanti e pregevoli edifici religiosi.
Durante il periodo medievale dipese dall'Abbazia di Fruttuaria e dal Monastero di San Pietro di Breme e fu conteso tra il comune di Vercelli ed i Marchesi del Monferrato per divenire stabilmente dominio di questi ultimi intorno al XIII secolo. Nel 1329 il territorio fu infeudato a Tommaso Scarampi di Camino ed al Marchese di Gozzani. Dopo l'annessione del Ducato del Monferrato agli stati sabaudi nel 1708 entrò a far parte della provincia di Casale e tale stato di cose rimase fino alla caduta dell'antico regime sul finire del XVIII secolo. Sotto i Francesi fece parte del dipartimento del Tanaro e poi del dipartimento di Marengo fino alla Restaurazione, per divenire parte della provincia di Alessandria nel 1859.

Da vedere:

L'oratorio di San Giacomo. L'oratorio originario di San Giacomo, di cui non è nota la data di edificazione, risulta presente in una mappa del XVII secolo. L'edificio attuale risale al 1764, presenta pianta rettangolare e volta a botte, il campanile in cotto è di poco precedente. All'interno sono conservati due quadri del Moncalvo e due antiche statue in legno.
La parrocchiale di Sant'Agata. L'originaria chiesa parrocchiale di Sant'Agata risaliva al XII secolo, fu fondata da Guglielmo di Camino, forse in un luogo diverso da quello in cui si trova attualmente. L'edificio attuale fu edificato in stile gotico-romanico nel 1248 e restaurato a metà del XVIII secolo, alla fine del secolo successivo al campanile fu aggiunta la cella campanaria. La facciata è arricchita da una lunetta sovrastante il portale con all'interno un dipinto di Mario Gilardi. All'interno tre navate, l'altare maggiore settecentesco in marmo policromo, un battistero in pietra risalente al Trecento, a forma di parallelepipedo, sulle cui pareti sono scolpite colonnine, fregi e figure, usato come altare. Il presbiterio è delimitato da una balaustra in marmo rosa e nero. Conserva tre tele del Moncalvo ed altre seicentesche appartenenti alla sua scuola, due del Guala ed altre opere di pregio. Sul sagrato ciottoli di fiume bianchi e neri.
La chiesa della Madonna delle Grazie, fondata prima della seconda metà del XVII secolo, è situata all'esterno delle mura del paese. Presenta un robusto campanile ed un maestoso altare con quattro colonne nere.
La chiesa della Purificazione della B.Vergine Maria a Rocchetta, edificata nel 1728, conserva una grande tela settecentesca di autore ignoto, una pala raffigurante i Santi Santi Sebastiano e Rocco di Guala ed altre pregevoli opere.
La chiesa della Madonna della Neve, citata già nel 1158, fu restaurata nel XVIII secolo e di recente. Ad unica navata, conserva una tela del Defrancisci.
Il Museo dei giocattoli inaugurato nel 2007.
Il Deposito museale Colombotto Rosso custodisce molte opere del celebre artista.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 17.403 volte.

Scegli la lingua

italiano

english