Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Monferrato e dintorni Ozzano Monferrato

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Ozzano Monferrato

  • Beccaria Vini Piemonte

    Cascina Mossa appartiene alla famiglia Beccaria dagli anni '70 da quando cioè i coniugi Angelo e Maria Teresa decisero di intraprendere autonomamente quella che già in passato era stata la professione e la passione dei loro genitori e che li unì nel comune...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ozzano Monferrato

Descrizione

Il toponimo è di origine romana e non registra concordia: la tesi più accreditata lo vuole derivante dal nome proprio "Aucius". E' un comune in provincia di Alessandria, famoso per l'estrazione e lavorazione della pietra calcarea, effettuate sin dal XVII secolo, e che in epoche più recenti diede impulso ad una fiorente sviluppo industriale. L'abitato è arroccato su un colle e amorevolmente sorvegliato dal castello e dalla chiesa parrocchiale che dominano dall'alto.
Il centro fu menzionato per la prima volta in un documento risalente al periodo compreso tra il IX
ed il X secolo. Intorno all'anno Mille fu conferito dall'imperatore Ottone III al Vescovo di Vercelli insieme con l'intero distretto di Casale. Durante il XII secolo Federico Barbarossa lo volle assegnare al Marchese Guglielmo V della famiglia degli Aleramici. In questo periodo ebbero inizio le opere di fortificazione del borgo che terminarono nel XIV secolo. Estinti gli Aleramici, il territorio passò sotto i Paleologi. Dopo il periodo di reggenza di Ottone di Brunswick, fu affidato in feudo ai Colombo Teodonimo e poi al principe di Tessaglia. Nella prima metà del XVI secolo fu venduto a Mercurino Arborio di Gattinara. Con i Gonzaga Ozzano visse un'epoca difficile a causa delle cospicue tasse imposte, ma, se il XVI secolo non fu felice, il XVII secolo, durante il quale si successe la dominazione degli Spagnoli, dei Francesi, dei Savoia e dei Lanzichenecchi, fu segnato da distruzione e saccheggi. Alla fine del XVIII secolo appartenne ai Cocconito di Montiglio, passò poi al Regno di Sardegna.

Da vedere:

La parrocchiale di San Salvatore è situata all'interno della cinta muraria del castello. Anche se non è possibile determinare con certezza la data, si può affermare che le parti più antiche risalgono al Trecento. L'edificio si presenta in stile romanico-gotico con elementi rinascimentali e barocchi, frutto di numerosi rifacimenti e modifiche apportati nel corso dei secoli. La facciata è in cotto con due monofore e cinque pinnacoli, il portale ligneo in stile barocco è delimitato da un architrave sormontato da un piccolo timpano. Presenta pianta rettangolare a tre navate ed abside poligonale. Il campanile è a pianta quadrata con decorazioni di epoca romanica e cella campanaria caratterizzata dalla presenza di quattro monofore. Il sagrato è composto da pietre di fiume di diverso colore che compongono motivi geometrici. È decorata al suo interno da affreschi di periodo compreso tra il XV ed il XIX secolo, conserva un altare barocco estremamente pregevole.
La chiesa di San Giovanni Battista.
Il castello, costruito tra il 1000 ed il 1100, è situato sul colle e domina dall'alto l'abitato con le sue mura perimetrali a strapiombo. È in stile gotico e presenta affreschi e tele di Pier Francesco Guala, un giardino pensile settecentesco, una pregevole cappella.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 30.411 volte.

Scegli la lingua

italiano

english