Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Monferrato e dintorni Mombaldone

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Mombaldone

Descrizione

Il toponimo ha origini germaniche e significa "monte". E' un piccolo comune in provincia di Asti, situato al confine con il territorio di Alessandria e bagnato dal Bormida di Spigno. Presenta il tipico aspetto del borgo medievale, ancora cinto dalle mura e separato in due pari dalle rovine del castello.
Le origini sono romane e il primo abitato sorse in prossimità dell'antica via Aemilia Scauri. Nel periodo compreso tra il VI ed il VII secolo Mombaldone aveva già vissuto il dominio dei Longobardi, benché sia stato citato per la prima volta in un atto risalente all'anno Mille, in cui si attesta la donazione da parte di Anselmo, erede degli Aleramici, all'Abbazia di San Quintino di Spigno Monferrato, da lui fondata, di alcune terre, tra cui i mansi di Mombaldone. A partire dagli inizi del XIII secolo e per tutto il Medioevo fu feudo dei Del Carretto di Savona e vide un grande sviluppo edilizio nel periodo in cui fu signore Enrico IV Del Carretto. Già sul finire del XIV secolo il borgo di fatto fu sotto il controllo di Amedeo VI di Savoia, dominio ufficializzato nel 1531 dall'imperatore Carlo V che concesse molte prerogative ed autonomie ai feudatari. Nel 1637 gli Spagnoli tentarono, senza successo, di conquistare il borgo, ma furono fermati dalle truppe di Vittorio Amedeo di Savoia. Nei primissimi anni del XVIII secolo, terminata la guerra di successione del Monferrato, finalmente il territorio fu in condizioni di godere della tranquillità necessaria per meglio svilupparsi e fu dato impulso alla coltivazione dei bachi da seta, attività fiorente che assicurò benessere economico e sviluppo per un lungo periodo.

Da vedere:

L'oratorio della Confraternita dei Santi Fabiano e Sebastiano situato proprio accanto alla parrocchiale, quasi ad attendere il visitatore alla fine dell'unica strada centrale del paese. È un edificio costruito nel 1764 su progetto del Barozzi e recentemente restaurato. Presenta caratteri barocchi, nel complesso mostra grande equilibrio e compostezza con campanile non separato dalla struttura principale, ma inglobato nella stessa. Conserva affreschi della fine del Seicento ed attualmente ospita manifestazioni, mostre ed altri avvenimenti culturali.
La chiesa parrocchiale di San Nicolao, edificata nel1790 su progetto dello Zucchi, ha pianta esagonale, facciata arricchita da colonne e da un piccolo timpano. Il campanile, parzialmente inglobato nella struttura, è sormontato da una copertura circolare. All'interno la chiesa conserva pregevoli tele barocche, tra cui alcune del Monevi, ed un organo del XIX secolo.
Il castello di epoca compresa tra il XIII ed il XIV secolo fu parzialmente distrutto nel XVII. Al centro conserva ancora i resti di una torre quadrata fatta demolire in parte dal Marchese Aleramo Del Carretto per permettere l'utilizzo delle pietre nella costruzione della ferrovia.
La Fortezza è un possente edificio in pietra a vista risalente al 1200 con arredamento settecentesco. È di proprietà dei Del Carretto ed ospita un ristorante apprezzato e conosciuto non solo in Italia.
La Porta di ingresso al ricetto con il suo arco acuto ancora intatto è di epoca medievale.
Il vecchio mulino risalente al XVI-XVII secolo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 23.709 volte.

Scegli la lingua

italiano

english