Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Monferrato e dintorni Fubine

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Fubine

Descrizione

Comune in provincia di Alessandria, l'abitato è distribuito tra le colline del Monferrato e la valle in prossimità del Tanaro. La zona più antica è costruita su un'altura intorno alla chiesa parrocchiale.
Il primo nucleo probabilmente era di origine tardo-romana e fu citato per la prima volta in un documento della prima metà dell'XI secolo, epoca in cui Fubine era sottoposto al controllo del Vescovo di Asti Pietro II. Nel periodo successivo fece parte del Marchesato del Monferrato e nella seconda metà del XIII secolo si sottomise al comune di Alessandria, ma il castello rimase di proprietà della famiglia Cane. Nel IV secolo fu attaccato e distrutto dalle truppe angioine in guerra con i Visconti di Milano; poco tempo dopo tornò sotto il Marchesato del Monferrato acquisendo franchigie e concessioni. Nel corso del XV secolo il borgo fu fortificato: con molta probabilità è a questo periodo che l'abitato fu dotato delle mura con lo spalto di cui rimane ancora traccia. Nel XVI secolo il paese fu oggetto di saccheggio da parte dei Lanzichenecchi. In quell'occasione persero la vita circa 600 cittadini, rei di aver opposto resistenza all'attacco. Il XVI secolo vide Fubine conquistare propri statuti ed essere direttamente coinvolto negli scontri tra truppe francesi ed imperiali, mentre intorno alla metà del secolo fu venduto al nobile mantovano Alberigi con il quale sorsero numerose questioni per la pretesa da parte di costui che gli abitanti rinunciassero ai privilegi da tempo goduti. Alla fine del secolo i Fubinesi acquistarono la loro indipendenza da Alberigi e si sottomisero al Duca di Mantova e del Monferrato. Il XVII secolo fu un periodo di regresso economico a causa del coinvolgimento nelle Guerre del Monferrato, delle cospicue tasse pagate prima ai Gonzaga e poi ai Savoia e delle carestie ed epidemie che flagellarono il paese. Nel 1658 fu infeudato al Conte Natta e nei primi anni del secolo successivo passò ai Savoia.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta eretta tra la fine del XV ed i primi anni del XVI secolo. Nell'Ottocento grazie a lavori di ristrutturazione acquisì un aspetto neogotico. Il campanile è alto ben 56 metri e domina l'abitato. L'edificio conserva quadri di Gaidano.
La chiesa di Conserra, dedicata a San Pietro, nella prima metà del XVII secolo fu spogliata di parte del materiale di cui era composta per permettere la costruzione di un nuovo edificio religioso. Fu restaurata nel XIX secolo.
La chiesa della Trinità, risalente al XVII secolo, è probabile che sia stata edificata su un preesistente oratorio. Sacrestia e campanile sono di epoca più tarda. Recentemente restaurata, è oggi sede della Biblioteca Civica.
La chiesa dei Battuti o dei Disciplinanti oggi adibita a sede di manifestazioni culturali.
La chiesa di Nostra Signora del Carmine costruita agli inizi del XVII secolo.
La cappella di San Rocco.
La Casa Pane di origini settecentesche.
Il castello appartenuto ai Conti Cacherano di Bricherasio.
Il monumento sepolcrale di Emanuele Cacherano di Bricherasio, situato nella cappella omonima, fu realizzato dallo scultore Leonardo Bistolfi.
Lo Spalto, così sono chiamati i resti delle antiche mura difensive, si diparte dalle arcate della Casa Pane alla chiesa dei Disciplinanti.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.599 volte.

Scegli la lingua

italiano

english