Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Valli Gesso e Vermenagna

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Valli Gesso e Vermenagna

Descrizione

Dire Valle Gesso vuol dire natura a 360 gradi: infatti, grazie alla presenza della storica Riserva reale di caccia voluta dal Re Vittorio Emanuele II di Savoia, l'incuria del tempo ha arrecato pochi danni in questa valle, preservandola dal bracconaggio e dall'edilizia sconsiderata. Con l'istituzione del Parco Alpi Marittime, la valle é divenuta sempre più meta di escursionisti, alpinisti, scuole ed istituti per giornate di educazione ambientale.
Ben diciassette rifugi e bivacchi nell'area del Parco offrono infinite possibilità di escursioni e passeggiate per osservare da vicino la fauna alpina (marmotte, camosci, stambecchi, mufloni, scoiattoli, volpi e faine; 170 specie di uccelli tra cui l'aquila ed il gipeto - reintrodotto con successo alcuni anni fa -) e la flora, che ha in questa area una trentina di endemismi, tra cui la nota sassifraga florulenta. Oltre ottanta laghi alpini sono raggiungibili attraverso mulattiere, antiche strade del sale, strade militari costruite negli anni trenta a difesa dei confini.
Raggiungibile anche con la tradizionale linea ferroviaria Cuneo-Nizza, la valle Vermenagna merita una sosta nel paese di Pinocchio, Vernante: qui infatti visse per molti anni e morì Attilio Mussino, primo illustratore del libro di Collodi. Il paese é disseminato di più di cento murales che ritraggono fedelmente le illustrazioni del Mussino, possiede un piccolo museo dedicato al disegnatore ed all'etnografia locale ed un museo naturalistico. Degni di nota sono i coltelli "vernantin", prodotti in piccolo numero artigianalmente.
Una breve passeggiata conduce invece alla Turusela, torre medievale dell'antico castello dei Lascaris.
Da Vernante parte la Valle Grande, che ospita la Riserva del bosco e dei laghi di Palanfrè, importante per la presenza di una vasta faggeta con esemplari vetusti che risalgono a circa 320 anni fa.
Si prosegue poi per Limone Piemonte, rinomata stazione sciistica: due passi nel grazioso centro abitato con le tipiche abitazioni alpine in pietra sono consigliabili, insieme alla visita della Parrocchiale gotica del XII-XIV secolo, con pulpito proveniente dalla Certosa di Pesio, della chiesa del Convento datata 1674, e della fontana di S. Pietro risalente al XVI secolo.

La pagina web di questa destinazione è stata visitata 34.830 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english