Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Piemonte Monferrato e dintorni Calamandrana

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Calamandrana

  • Michele Chiarlo Vini Piemonte

    La nostra filosofia è quella di produrre vini le cui caratteristiche rappresentino fedelmente la varietà di provenienza e il loro "terroir", ma nei quali i sentori di legno non siano mai in evidenza: siano vini ricchi, molto eleganti e mai stucchevoli....

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Calamandrana

Descrizione

Sul toponimo non c'è concordia: secondo l'opinione più accreditata e diffusa, deriverebbe dal termine piemontese "calamandrina", con il quale si designa un particolare tipo di quercia presente nella zona. Comune in provincia di Asti, tra le terre del Monferrato e le terre di Langa, è suddiviso in due zone: la parte alta e la parte bassa. Famoso per la fiorente produzione di vini, il territorio è solcato dal torrente Belbo ed ospita boschi, coltivazioni di vite ed una ricca fauna. Numerosi sono gli itinerari e le mete per le escursioni.
È provato senza alcun dubbio che nel XII secolo il paese era territorio del Marchesato del Monferrato, ma è opinione diffusa che la zona fosse abitata sin dalle epoche più remote da popoli di origini celtiche destinate a soccombere di fronte all'avanzata dell'esercito romano nel 200 a.C. Già nel XIII secolo ci fu la cessione ai San Marzano di Canelli, ma sempre durante lo stesso secolo tornò ai Marchesi del Monferrato per passare a quelli di Incisa e alla famiglia Asinari nel XIV secolo. Nella seconda metà del XVII secolo divenne dominio dei Piccolomini e solo pochi anni dopo del Conte Quinciani. Con il declino dei Duchi di Mantova i domini sabaudi si estesero su tutta la regione.

Da vedere:

La chiesa di San Giovanni alla Conche, originariamente in stile romanico, ha subito numerosi rimaneggiamenti nel corso dei secoli ed attualmente della vecchia struttura rimane solo l'abside affiancata da due nuove: una in stile gotico, l'altra tardobarocca. All'interno presenta affreschi dell'Ottocento. Il campanile è a base quadrata.
La parrocchiale della Concezione di Maria Vergine.
Il castello fu fatto edificare nel XVII secolo su ordine del Conte Francesco Maria Piccolomini intorno alla torre ottagonale risalente ad epoca più tarda, con precisione al XIII secolo.
Situato in una posizione strategica dalla quale è possibile avere il controllo sia del paese sottostante che della vicina valle. Danneggiato da un sisma sul finire del XIX secolo, fu ricostruito nel 1963 in modo da rispecchiare il più fedelmente possibile la struttura originale. Attualmente si presenta con una struttura irregolare e parzialmente intonacato, è circondato da un parco e conserva ancora un ponte levatoio.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 32.441 volte.

Scegli la lingua

italiano

english