Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Po di Lombardia Rivanazzano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Rivanazzano

Castello/Castle

Castello/Castle

Descrizione

Comune dell'Oltrepò Pavese, situato in Val Staffora, Rivanazzaro non è solo un fiorente centro agricolo, ma anche una delle località lombarde più famose per il turismo termale. Il toponimo deriva dall'unione dei due nomi di Riva e Nazzano. Anticamente conosciuta come "Vicus Lardarius" (luogo d'allevamento di suini), fu feudo dei Malaspina e, dopo diverse vicende, dei Rovereto, marchesi di Genova.
Situato su una dolce collina, l'abitato di Nazzano è dominato dall'omonimo castello, costruito intorno all'anno Mille dai malaspina e potenziato successivamente da Gian Galeazzo Visconti, che ne riconobbe immediatamente la posizione strategica: infatti, durante le giornate limpide e ventose, lo sguardo spazia dalle Alpi Marittime fino al Monte Rosa. Nel Seicento diventa di proprietà della nobile famiglia pavese dei Mezzabarba e, nel Settecento, degli attuali proprietari, i Rovereto, che nel Novecento hanno modificato la destinazione dell'edificio da maniero a residenza privata. E' composto da un blocco principale, una rocca a pianta rettangolare ed una torre quadrata.

Oltre al Castello di Nazzano, altri siti di interesse sono:
- la bella villa settecentesca di San Pietro;
- la Parrocchiale di San Germano (XVII secolo), con interno affrescato;
- le fonti termali con acque sulfuree e salso-bromo-iodiche, le cui proprietà terapeutiche erano già note ai Romani.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 17.273 volte.

Scegli la lingua

italiano

english