Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Po di Lombardia Crema

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Crema

Descrizione

Comune della bassa pianura Padana, in prossimità del fiume Serio, Crema è la seconda città della provincia per importanza, dopo Cremona. Il toponimo deriverebbe dal termine longobardo "krem" (altura). Le prime notizie della città risalgono al VI secolo, in concomitanza con le invasioni longobarde. E' menzionata per la prima volta in un documento del 1074 come località di origine di un certo Rozo, testimone in un breve atto di investitura emanato dal vescovo di Cremona Arnolfo a favore dei cugini Guglielmo e Vado da Carugate. Fu castello medievale e seguì le sorti di Milano nelle lotte comunali; fu distrutta dal Barbarossa nel 1160. Una volta riedificata fu prima possedimento di Cremona, poi dei Visconti ed infine dal 1400 al 1747 della Repubblica di Venezia.
Il cospicuo patrimonio artistico ed architettonico di crema sono la testimonianza più evidente di un passato da protagonista della città.

Tra i siti che meritano di essere visitati, elenchiamo qui:
- il Duomo dedicato alla Madonna Assunta, in stile gotico lombardo, realizzato tra la fine del XIII secolo e l'inizio del secolo successivo. La facciata è a capanna a vento e nel timpano è collocata la statua della "Madonna col Bambino tra i Santi Pantaleone e Giovanni Battista". L'interno, austero e solenne, è diviso in tre navate e conserva pregevoli capolavori d'arte di artisti locali, come la "Madonna con Bambino" di Rinaldo da Spino e restaurata da Vincenzo Civerchio, "l'Assunta" del Civerchio, "l'Adorazione dei Magi" di Giovanni Paolo Cavagna, la statua lignea della Madonna e nel presbiterio, due tele di Gian Battista Lucini dedicate ai "Miracoli dell'Eucaristia". La navata termina in un'abside ove è posto un Crocifisso ligneo.
- la Chiesa della Santissima Trinità (1737-1740) in stile barocco;
- l'ex Chiesa di San Domenico (1463-1471) oggi adibito a teatro;
- le cinquecentesche mura venete di cinta della città;
- il palazzo comunale, il Torrazzo ed il Palazzo Pretorio, simbolo della ricchezza e del potere della città nel Cinquecento;
- Palazzo Bondenti, il maggiore dei palazzi cremaschi;
- il palazzo vescovile con le sue preziose tele;
- l'ex Convento di Sant'Agostino, oggi sede del Museo Civico di Crema e del Cremasco;
- la Chiesa di San Benedetto, costruita nel 1621-1625 e restaurata nel Novecento;
- il Santuario di Santa Maria della Croce (1490-1493), elegante costruzione in mattoni in stile bramantesco;
- il settecentesco Palazzo Arrigoni Albergoni, preceduto da uno stupendo giardino;
- Palazzo Vimercati Sanseverino, in stile veneto rinascimentale;
- Palazzo Terni De Gregori, in stile barocco;
- Palazzo Sangian Toffetti;
- Palazzo Benzoni-Frecavalli, oggi sede della Biblioteca Comunale;
- la cinquecentesca Chiesa di San Giovanni Battista, con affreschi di Gian Giacomo Barbelli;
- il Santuario di Santa Maria delle Grazie, affrescato da Gian Giacomo Barbelli;
- l'ex Chiesa rinascimentale di Santo Spirito e Santa Maria Maddalena;
- le numerose ville gentilizie (la seicentesca Villa Tensini con affreschi di Gian Giacomo Barbelli, Villa Albergoni, Villa Benvenuti, in stile barocco, Villa Perletta che custodisce pregevoli opere di Giovanni Fattori, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Telemaco Signorini, Villa Zaghen, in stile liberty, Villa Rossi, in stile neogotico, Villa Martini, in stile neoclassico, Villa Carini, dotata di un grande parco all'inglese, Villa Albergoni-Zurla).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 37.762 volte.

Scegli la lingua

italiano

english