Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Po di Lombardia Gonzaga

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gonzaga

Descrizione

Comune agricolo del mantovano, al confine con l'Emilia Romagna, Gonzaga è nota per aver dato i natali a quella famiglia Corradi che, una volta conquistato il potere a Mantova, cambiò il suo cognome con quello del paese d'origine. Il paese sorge in un'area abitata dagli Etruschi sin dal VI secolo a.C. e, successivamente, dai Galli Boi nel IV secolo a.C. che furono sconfitti dai Romani durante la battaglia di Casteggio. Nel 218 a.C. i Galli riuscirono a tornare in possesso delle loro terre ma furono definitivamente sconfitti nel 191 a.C.. Dopo la caduta dell'Impero Romano fu soggetta a saccheggi e depredazioni fino al X secolo. Prima dell'anno Mille la Corte di Gonzaga comprende un piccolo fortilizio ed una cappella, ma le notizie sono scarse e frammentarie, a causa delle continue scorribande barbariche. L'unica notizia certa è che i proprietari della Corte di Gonzaga furono i Canossa, famiglia di origine longobarda, a cui è attribuita la costruzione del monastero benedettino, gestito dall'abate di Polirone. Nel XV secolo la Corte di Gonzaga diventa la residenza estiva della nobile famiglia omonima di Mantova. Nel 1707 il Duca di Mantova viene deposto per aver dato appoggio ai francesi ed essere venuto meno al patto di neutralità stipulato con l'imperatore d'Austria. Il Ducato, quindi, passa sotto il controllo austriaco e nel 1717 viene demolito il castello e le sue pietre vengono utilizzate per la costruzione della fortezza di Mantova.

Tra i siti di maggior interesse menzioniamo:
- le due torri quattrocentesche nella piazza principale del paese, le uniche sopravvissute dell'antico castello. La principale, con sopraelevazione del Cinquecento, è uno degli esempi più importanti del Rinascimento mantovano;
- la Parrocchiale di San Benedetto, risalente al 1082 e preesistente al monastero fondatovi accanto dai Canossa nel XI secolo e affidato all'abbazia di Polirone, fu radicalmente trasformata nel Rinascimento (ma la facciata neoromanica è del 1925) e conserva nell'interno quattro colonne originarie in cotto con capitello cubico;
- il Convento di Santa Maria, realizzato nel XV secolo da Francesco II Gonzaga, con chiostro dalle forme tardo-gotiche.

Tra le manifestazioni più rilevanti del paese ricordiamo la Fiera Millenaria di Gonzaga che si svolge ogni anno tra la prima e la seconda domenica di settembre e che già nel Cinquecento richiamava una gran moltitudine di persone da ogni paese.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 22.705 volte.

Scegli la lingua

italiano

english