Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Entroterra Friulano Valvasone

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Valvasone

Descrizione

Il toponimo deriva dal tedesco antico "Wal" e "Waso", rispettivamente significanti "altura" e "prato", da cui "prato con alture". Comune in provincia di Pordenone, situato nei pressi del Tagliamento, ai confini con la provincia di Udine, Valvasone è un piccolo borgo medievale, ben conservato, che affascina con i suoi edifici, le strade strette, la bellissima piazza con i palazzi disposti a semicerchio e dotati di sottostante porticato a formare un unico percorso coperto.
La zona fu frequentata dai Romani: probabilmente l'abitato fu costruito per scopi difensivi. Significativo il castello che sorveglia il guado del fiume, la cui presenza risulta certificata in documenti risalenti ai primi anni del XIII secolo, benchè alcune caratteristiche strutturali e soluzioni difensive lascino ipotizzare una ben più antica epoca costruttiva. Nel periodo compreso tra il XII ed il XIII secolo il potere civile e religioso era esercitato dai patriarchi di Aquileia che si servivano localmente di feudatari per controllare le terre: di conseguenza anche a Valvasone governava un feudatario. Nel XV secolo la regione fu conquistata dalla Serenissima e la famiglia che governava il territorio perse molte delle sue prerogative. Anche quest'area fu conquistata nel 1797 dalle truppe di Napoleone che abolì i feudi e pose il centro a capo del distretto amministrativo del Cantone di Valvasone.

Da vedere:

La parrocchiale, edificata in stile neogotico, presenta un portale con lunetta affiancato da due slanciate bifore che si trovano anche sui fianchi, è arricchita da cornici, costoni e guglie che conferiscono alla struttura maggiore slancio. In posizione retrostante un massiccio campanile squadrato, la cui linearità è interrotta da archetti e bifore. All'interno, in una cassa di legno intagliato e dorato, è conservato un organo cinquecentesco, opera di Vincenzo Colombo ed unico strumento superstite della scuola veneta del Cinquecento.
Il Duomo, edificato nella seconda metà del Quattrocento, subì più volte rimaneggiamenti, di cui il più consistente nel 1889, allorchè furono cancellati gli antichi affreschi. È composto da una sola navata e da un presbiterio affiancato da due cappelle. All'interno è custodito un prezioso organo del Cinquecento veneziano.
L'ex convento dei Servi di Maria.
La chiesa di San Pietro e Paolo.
Il castello, già attestato nel 1290, è un complesso di edifici disposti a ferro di cavallo intorno ad un piccolo cortile. Severo all'esterno, all'interno è stato modificato in epoche in cui le esigenze difensive si erano molto affievolite, vi sono state aggiunte trifore.
Palazzo Martinuzzi-Dulio, di origine rinascimentale, fu ristrutturato nel XIX secolo. Conserva affreschi quattrocenteschi.
Il palazzo comunale ingloba strutture medievali, è sede del comune dal 1883.
Casa Fondaco del Cinquecento.
Palazzo Pinni del tardo Settecento.
Palazzo Fortuni del Seicento.
Palazzo Fioretti.
La Torre delle ore.
Gli itinerari naturalistici.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 23.303 volte.

Scegli la lingua

italiano

english