Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Entroterra Friulano Porcia

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Porcia

  • San Simone Vini Friulani

    Perfetto punto d'incontro tra tradizione e tecnologia, immersa tra i vigneti di proprietà, la San Simone riflette i canoni dell'architettura contadina locale, nel pieno rispetto della natura circostante: il color rosso mattone dei muri, le capriate in...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Porcia

Descrizione

Comune in provincia di Pordenone, attraversato dal rio Bujon, è caratterizzato da un interessante centro storico dotato di edifici di pregio.
Il centro si costituì nel periodo compreso tra il X e l'XI secolo e fu citato per la prima volta in un documento ufficiale nel 1178. Costituì parte del comune di Prata, sotto la giurisdizione di signori che nel XII e XIII secolo furono impegnati negli scontri per la conquista dei territori della regione. Nel XIII secolo fu costituito il feudo di Porcia, governato dalla omonima famiglia legata ai Patriarchi di Aquileia. Nel XV secolo la zona fu occupata dalla Repubblica di Venezia, nonostante le resistenze dei signori locali. La Serenissima pose fine alle lotte intestine ed assicurò al territorio un periodo di tranquillità e sviluppo, salvo gli attacchi da parte delle truppe turche e la guerra della Lega di Cambrai, che sconvolse anche Porcia nei primi anni del XVI secolo. Successivamente fu coinvolto nelle guerre napoleoniche e fu sotto il controllo asburgico a partire dal 1815. Nel 1866 si unì al Regno d'Italia.

Da vedere:
La chiesa di San Giorgio, di cui è fatto cenno in un documento del 1262, fu riedificata nel XVI secolo ed ingrandita nel XIX. Conserva un coro ligneo seicentesco, un organo decorato da dipinti raffiguranti San Giorgio ed il drago, l'Annunciazione e la Conversione di San Paolo, realizzate dal Fischer, due pale, di cui una del Negretti e l'altra di Francesco da Milano. Il campanile, alto 44 metri, fu terminato nel Cinquecento.
La chiesa della Beata Vergine Assunta, di cui si hanno testimonianze sin dal 1369, fu ricostruita nel XVI secolo e restaurata nel XIX. Conserva al suo interno altari lignei del XVII secolo, dipinti seicenteschi del Fischer, una pala del Vicentino, un crocifisso cinquecentesco in legno, affreschi del de Stefanelli risalenti al XVI secolo ed una Madonna lignea del Quattrocento.
La chiesa di Sant'Agnese, cappella del XIII secolo, conserva affreschi di epoca compresa tra il XIII ed il XVI secolo ed una croce bizantina del XII secolo.
La pieve di San Virgilio a Pieve, di cui si hanno notizie sin dal 1187, fu restaurata nel Seicento, custodisce i resti di affreschi del XIII secolo ed un'acquasantiera seicentesca del Pavanello.
La chiesa di San Martino a Palse conserva dipinti ottocenteschi opera del Kollman, la pala del Rosario del Gortanutti ed un affresco del De Lorenzi.
Il tempio di San Michele Arcangelo, citato sin dal Duecento, si presenta con forme settecentesche.
La cappella di Sant'Agnese a Roraipiccolo risalente al XIII secolo.
Il castello, dimora dei Porcia dal XII secolo, ospitò gli imperatori Carlo V ed Enrico III. La struttura che è giunta fino a noi è frutto di rifacimenti successivi e di restauri che hanno alterato le forme originarie. Del primitivo edificio rimane solo la torre medievale, risalente con molta probabilità all'anno Mille.
Villa Correr-Dolfin, edificata nel periodo compreso tra il XVII ed il XVIII secolo, è circondata da un ampio parco, nei cui pressi scorre il torrente Brentella ed ornata da affreschi in stile barocco.
Il Palazzo Novo del Vescovo edificato su progetto dei Contini nel Seicento, su commissione del Vescovo di Adria.
Il Palazzo del Feudo di origini cinquecentesche presenta statue in stucco.
La Loggia municipale del Cinquecento.
La torre dell'orologio.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.294 volte.

Scegli la lingua

italiano

english