Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Entroterra Friulano Cormons

Strutture

I più visitati in Cormons

  • Tenuta di Angoris Vini Friulani

    La pianura assicura forza e struttura. La collina regala profumi. Il mare, poco lontano, arrotonda, leviga ed esalta i sapori. Le Alpi, alle spalle, proteggono le vigne di Angoris, incastonate come prezioso cammeo nel cuore di quel rigoglioso vigneto...

  • Ronco dei Tassi Vini Friuli

    L'azienda nasce nel 1989 quando Fabio Coser e la moglie Daniela decidono di acquistare un podere di circa 9 ettari, di cui 4 a vigneto, nel cuore del Collio Goriziano e più precisamente nel comune di Cormons. Oggi la proprietà che si estende ai limiti...

  • MAGNÁS Vini ed Ospitalità Friuli

    A pochi passi dal centro abitato, nella dolce quiete della campagna rurale, l'azienda agricola Magnàs è lieta di proporre l'accoglienza e l'atmosfera del suo agriturismo, dove i visitatori potranno trascorrere momenti di tranquillità assaporando la qualità...

  • Livio Felluga Vini Friuli

    E' facile intuire che la storia di Livio Felluga e del suo vino si intreccia con la storia di quella particolare terra che circonda l'estremo nord est dell'Adriatico, il punto di contatto fra il Mediterraneo e l'Europa centrale. Storia di confini più...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cormons

Descrizione

Comune in provincia di Gorizia, situato nella piana del Collio, alle pendici del Monte Quarin, nei pressi del confine con la Slovenia, il territorio comunale comprende due frazioni, Borgnano e Brazzano. È famoso ed apprezzato soprattutto per la straordinaria qualità dei vini che si producono nelle campagne limitrofe.
Le origini sono preromane e fu una stazione militare durante la colonizzazione da parte dei Romani. Caduto l'Impero e rimasto privo di ordine e di protezione, il territorio fu facile preda dei popoli invasori. Nel 610 giunsero i Longobardi, ai quali si deve la fortificazione del centro; nel Medioevo fu sede dei Patriarchi di Aquileia. A causa della posizione privilegiata di cui godeva, posta com'era sulla via per Gorizia, fu oggetto di contesa tra i Patriarchi ed i Conti di Gorizia, che nel XIII secolo riuscirono a farselo concedere in feudo. La città ottenne propri statuti sin dal XV secolo; dalla fine del Quattrocento fino alla I Guerra Mondiale costituì territorio asburgico, ad eccezione del periodo in cui fu occupato dalla Serenissima e dalle truppe napoleoniche.

Da vedere:
Il duomo di Sant'Adalberto, situato in posizione dominante il centro storico, è preceduto da un'ampia scala. La facciata, definita da quattro colonne, è interrotta da nicchie con statue e sormontata da un timpano. Nella contigua dimora del parroco sono custoditi pregevoli esempi di arte sacra.
La basilica di San Giovanni risulta attestata in documenti risalenti al 1093, della primitiva chiesa sono ancora visibili tracce. L'edificio attuale è del XV secolo e si presenta estremamente semplice con porta a sesto acuto e finestra tonda. All'interno affreschi decorano i lati dell'arco che divide il presbiterio dalla navata ed altre parti della chiesa, sono databili tra il XIV ed il XV secolo.
La chiesa di Santa Maria, conosciuta anche come di Santa Apollonia, si trova nel Borgo omonimo. Fu citata in un documento del 1319. La facciata è di estrema semplicità con porta ogivale, finestra tonda e bifora campanaria. All'interno gli originari affreschi sono andati per la maggior parte perduti, rimane un pregevole San Sebastiano dipinto nel XVI secolo dal Graffico e figure attribuibili alla scuola del Pordenone.
La chiesa del Cristo della Subida, posta tra i boschi di acacie, fu edificata nel 1597. Si presenta preceduta da un pronao e sormontata da una bifora campanaria. All'interno un altare settecentesco scolpito dal Lazzaroni in stile barocco veneziano ed una tela settecentesca.
La chiesa della Beata Vergine del Soccorso, sita quasi in cima al Quarìn, fu edificata nel 1636 in sostituzione della pieve di San Pietro, demolita un secolo prima. La facciata è in stile tardo rinascimentale con timpano, all'interno un altare ligneo risalente al XVII secolo, una pala raffigurante la Madonna con Bambino, presumibilmente dipinta dal Buonvicino. Il massiccio campanile a base quadrata è suddiviso in cinque parti da cornici, il riquadro più alto è interrotto da bifore, il tutto è sormontato da un tamburo.
La chiesa di Santa Caterina.
La chiesa di San Leopoldo.
Palazzo Tacco-Aita.
Palazzo Locatelli.
Palazzo Nuhaus.
I resti del castello sul Monte Quarin.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 38.951 volte.

Scegli la lingua

italiano

english