Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Friuli Venezia Giulia Entroterra Friulano San Lorenzo Isontino

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

San Lorenzo Isontino

Descrizione

Comune in provincia di Gorizia, situato poco distante dal capoluogo e dall'Isonzo, nella zona orientale della pianura friulana, è un piccolo abitato votato prevalentemente alle attività agricole, noto ed apprezzato per le specialità tradizionali gastronomiche ed i vini, per la bellezza dell'ambiente, per le testimonianze storiche e culturali ed infine per il clima mite durante tutto l'arco dell'anno. Molti gli itinerari da seguire per godere delle verdi campagne friulane.
Il centro ha origini molto antiche: il rinvenimento di reperti del secondo millennio a.C. dimostra l'esistenza nella zona di un insediamento risalente all'età protostorica. Il primo documento che attesta la presenza dell'abitato risale all'anno 1083: probabilmente sorse perchè era al centro di importanti percorsi. San Lorenzo fu coinvolto direttamente durante la Prima Guerra Mondiale negli scontri tra i belligeranti e a causa della sua posizione, nei pressi del Carso, subì ingenti danni e una consistente parte degli abitanti fu deportata vicino Vienna. Il legame con l'Austria rimase molto saldo anche dopo la fine della guerra. Per questa ragione non tutti i Sanlorenzini apprezzarono il passaggio allo Stato italiano. Il Comune fu istituito nel 1955 con il distacco da quello di Capriva.

Da vedere:
La chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire, di epoca tardo settecentesca, fu edificata nel luogo in cui si trovava un precedente edificio, di cui si conservano ancora tracce. Si mostra con una facciata in stile classico, interrotta da semicolonne e nicchie, in quelle laterali sono presenti statue, il tutto è sormontato da un timpano. È affiancata da un elegante campanile a base quadrata, sormontato da una cuspide piramidale. Al suo interno si possono ammirare tre altari del XVIII secolo realizzati da artisti originari della provincia di Gorizia. L'altare maggiore, dedicato al Santo patrono, è in marmo policromo con statue in pietra, l'altare del Rosario ospita una statua lignea.
La chiesa di San Pietro Apostolo risalente al 1750.
Il parco dei laghetti rossi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 30.371 volte.

Scegli la lingua

italiano

english