Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Umbria Perugia e dintorni Montone

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Montone

Descrizione

Montone è un comune in provincia di Perugia, situato sulla sommità di un colle nell'alta Valle del Tevere, in posizione dominante la confluenza dei fiumi Tevere e Carpina. Dalla particolare posizione in cui si trova è possibile avere un'ampia panoramica sulle incantevoli e verdi colline circostanti. È un borgo medievale circondato da una robusta cinta muraria, all'interno della quale l'abitato è percorso da scalinate e stretti vicoli.
La zona fu frequentata dall'uomo sin dalle epoche più remote; la presenza dei Romani è testimoniata dai numerosi reperti rinvenuti. Fu coinvolta direttamente negli scontri tra Bizantini e Longobardi. Le prime notizie certe sull'esistenza del centro risalgono al X secolo, ma è certo che solo nel IX, dopo la sconfitta dei Longobardi da parte delle truppe franche, le popolazioni locali diedero inizio alla costruzione dei primi nuclei abitati. Nei primi anni del XII secolo Montone, libero comune con propri statuti, chiese la protezione della città di Perugia per difendersi dai tentativi di conquista posti in atto da Città di Castello. Il borgo fu a lungo legato, condividendone le alterne fortune, alla famiglia Fortebracci, di cui la figura più illustre fu Braccio da Montone, capitano di ventura dalle grandi capacità oratorie, politiche e strategiche che riuscì a sottomettere la regione creando un piccolo stato. Con la morte di questi, il feudo tornò alla Chiesa, divenendo poi proprietà dei Vitelli di Città di Castello.

Da vedere:
La chiesa ed il convento di San Francesco. La prima, in stile gotico, risale al Trecento. Possiede una sola navata con abside poligonale, vanta un portale intarsiato del Bencivenni da Mercatello. All'interno affreschi dell'Alberti da Ferrara, un coro cinquecentesco scolpito finemente, un affresco risalente al XV secolo, opera del Caporali. Il complesso ospita il Museo Civico.
La Collegiata, risalente al 1310, fu ristrutturata nel Seicento. Presenta pianta a croce latina che termina con un'abside circolare, le pareti recano preziosi affreschi, il soffitto a cassettoni, arricchito da intagli e dorature, copre la navata.
La pieve di San Gregorio, costruita intorno all'anno Mille in stile romanico-bizantino, presenta tre navate ed abside rotonda. All'intero affreschi di scuola umbra.
La chiesa di Santa Croce è una delle più antiche.
Il Museo Civico raccoglie dipinti di grande pregio, una sezione è dedicata ai paramenti e ad opere di oreficeria.
Il Museo del Tamburo Parlante situato al piano terra del convento di San Francesco.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.749 volte.

Scegli la lingua

italiano

english