Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Umbria Perugia e dintorni Deruta

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Deruta

Descrizione

Il toponimo pare che derivi dal latino "diruere" (terra franosa). Comune in provincia di Perugia, situato in collina, sulla sinistra orografica del Tevere, il paese è famoso sin dal periodo medievale per la lavorazione della ceramica. Presenta un centro storico particolarmente suggestivo con ben due torri civiche, circondato dall'antica cinta di mura. Alla parte più antica del paese si accede attraverso tre porte.
Circa le origini non c'è chiarezza: Deruta fu probabilmente fondato dai Romani, come testimoniano i numerosi reperti rinvenuti. E' noto che dall'epoca altomedievale fu un centro fiorente grazie alla produzione della ceramica; ceduto dall'imperatore Ottone III a nobili casate di origini germaniche, fece parte del territorio perugino rappresentando un avamposto a Sud, verso Todi. Nel XIII secolo gli fu concesso lo statuto e nel XVI secolo, con la sottoposizione della città di Perugia allo Stato Pontificio, il paese fu posto nelle condizioni ideali per svilupparsi e crescere dal punto di vista economico. Fu in questo periodo che la lavorazione della ceramiche giunse a livelli tali da rendere Deruta famosa in tutta Italia. Il dominio papale sul territorio durò fino all'annessione al Regno d'Italia.

Da vedere:

La chiesa di San Francesco del XIV secolo si presenta in stile gotico, ad una sola navata con affreschi risalenti al periodo compreso tra il XIV-XVI secolo, il campanile è in cotto. Attiguo alla chiesa è l'ex convento francescano con chiostro.
La chiesa della Madonna delle Piagge dei primissimi anni del Seicento con facciata ornata da maioliche.
La chiesa di Sant'Antonio Abate con affreschi del Caporali ed una cantoria settecentesca.
La chiesa di Sant'Arcangelo in stile romanico-gotico.
La chiesa della Madonna del Divino Amore.
Il Palazzo comunale, di epoca trecentesca, presenta tre belle bifore romaniche. Nell'atrio sono raccolti reperti dell'epoca neolitica ed etrusca, l'edificio ospita inoltre la Pinacoteca ed il Museo delle ceramiche con pezzi dal Cinquecento.
L'Ospedale di San Giacomo risalente ai primi anni del XV secolo è visibile tra edifici più recenti.
L'antica cinta muraria e le tre porte.
Le torri civiche.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.435 volte.

Scegli la lingua

italiano

english