Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria Riviera dei Fiori Coldirodi (Sanremo)

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Coldirodi (Sanremo)

Descrizione

E' la frazione più vasta del comune di Sanremo, in provincia di Imperia, chiamata anche Colla o Colla di Sanremo, posta sul crinale di una collina che ha origine da Capo Pino a duecentocinquanta metri di altezza da cui è possibile ammirare Sanremo e le coste francesi. Il borgo si trova tra Ospedaletti e Sanremo ed è dedito alla coltivazione di agrumi, ulivi,viti e fiori.
La fondazione del centro si fa risalire al IX secolo, allorché il nobile provenzale Fulcone di Villaret, Gran Maestro dei Cavalieri del Santo Sepolcro, in viaggio in nave dalla Palestina alla Francia, fu sorpreso da una tempesta e si salvò insieme al suo equipaggio nuotando fino alla costa di Ospedaletti. Da allora la valle situata alle spalle del paese è chiamata Valle di Rodi. A causa degli attacchi dei Saraceni la popolazione si stabilì nell'entroterra, in zone meno esposte. Fu in quel contesto che sul colle della Val di Rodi fu costruito un castello, denominato castello Poggio Pino, e varie fortezze. Nel XIV secolo con la distruzione del castello gli abitanti abbandonarono il nucleo originario per fondare nuovi casati nei dintorni, ma, dopo circa un secolo, si ritrovarono nuovamente sul colle dove costruirono una torre che fu distrutta nel XVII secolo. Durante il 1700
la comunità, facente parte del comune di Sanremo, si costituì comune autonomo. Ne seguirono lunghi contrasti con Sanremo, sedati con difficoltà dalla Repubblica di Genova dalla quale entrambi i centri dipendevano.

Da vedere:

La Pinacoteca Rambaldi fondata nel 1865 con l'acquisto da parte del comune dei dipinti, databili tra il XIV ed il XVI secolo appartenuti ad un sacerdote, Rambaldi. Tra gli autori dei quadri Veronese, Ligozzi, Balassi, Reni e Credi.
La biblioteca Rambaldi, annessa alla pinacoteca, custodisce circa 5000 testi editi tra il XV ed il XIX secolo, molti dei quali donati dallo stesso sacerdote.
Il santuario della Madonna Pellegrina risalente al XVII secolo si trova in uno dei punti più panoramici del centro.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 20.876 volte.

Scegli la lingua

italiano

english