Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Liguria Riviera dei Fiori Borghetto San Nicolò (Bordighera)

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Borghetto San Nicolò (Bordighera)

Descrizione

E' una delle due frazioni di Bordighera, in provincia di Imperia. Situata a 90 metri di quota, in area collinare, è circondata da coltivazioni ospitate da terrazzamenti e da una folta vegetazione che ha incantato nel tempo numerosi e famosi artisti. E'un antico abitato poco distante dalla costa dove le case, dai delicati colori pastello, per buona parte alte e strette, presentano angolazioni diverse ed altezze eterogenee, ma il tutto appare all'occhio dell'osservatore composto e gradevole. Il borgo è privo di una pianta definita e ben delimitata, a differenza di quanto si può riscontrare in molti centri liguri dalle antiche origini; tuttavia, proprio per questa ragione, nel complesso si mostra movimentato e assolutamente privo di monotonia. Il paese è famoso perchè il grande pittore lombardo Ennio Morlotti lo scelse per aprire il suo primo studio ligure.
Le origini sono certamente anteriori all'XI secolo, come si evince da determinati documenti storici. Furono proprio alcune famiglie di Borghetto San Nicolò, riunite nella chiesa parrocchiale nel settembre del 1470, a decidere la fondazione di Bordighera. Una lapide sulla facciata della chiesa, collocata nel 1970, in occasione del cinquecentesimo anniversario, ricorda l'avvenimento. Fece parte del Capitanato di Ventimiglia e nel 1686 si ribellò a questa insieme a Bordighera, Vallebona, Sasso, Soldano, San Biagio, Vallecrosia e Camporosso formando la Magnifica Comunità degli Otto Luoghi. Nel 1815 fu annesso al Regno di Sardegna e nel 1861 entrò a far parte del Regno d'Italia. Fu comune autonomo fino al 1920.

Da vedere:

L'oratorio tardo-barocco dedicato all'Annunziata e la vicina chiesa parrocchiale con campanile.
La chiesa di San Pietro e Paolo nel vicino comune di Sasso. Risalente al Settecento, conserva al suo all'interno un affresco di Maurizio Carrega.
Il limitrofo comune di Bordighera ricco di edifici prestigiosi, giardini dalle piante rare, chiese antiche, dipinti ed opere preziose ed il famoso e apprezzato lungomare.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 12.300 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english