Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Il Riccio Capri Beach Club

    Il Riccio Capri Beach Club

    Gastronomia Mediterranea Ristorante esclusivo Lifestyle Beach Club Isola di Capri Riviera di Napoli Campania Italia

  • Farfalle e Gabbiani Tramonti

    Farfalle e Gabbiani Tramonti

    Ospitalità di Qualità Relais Camere e Colazione Bed and Breakfast Tramonti Costa di Amalfi Riviera di Napoli Salerno Campania...

  • Torre Saracena Amalfi

    Torre Saracena Amalfi

    Ristorante gastronomia mediterranea Eventi esclusivi sulla Costa di Amalfi Salerno Campania Italia

  • Hotel Hermitage Costa Cilentana

    Hotel Hermitage Costa Cilentana

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Ristorante Piscina San Marco di Castellabate Costa Cilentana Salerno Campania Italia

  • Ristorante Masaniello Maiori Costa di Amalfi

    Ristorante Masaniello Maiori Costa di Amalfi

    Gastronomia tipica mediterranea Pesce Fresco Specialità della Costiera Amalfitana Maiori Riviera di Napoli Sorrento Salerno Campania...

tu sei qui: Home Abruzzo Chieti, Pescara e Teramo Montorio al Vomano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Montorio al Vomano

Descrizione

Comune della provincia di Teramo, situato alle porte del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Montorio al Vomano, il cui toponimo deriverebbe dal latino "Mons aureo", è un borgo ricco di scorci suggestivi, palazzi e monumenti di gran pregio artistico e incantevoli paesaggi naturali.
Menzionato per la prima volta in un documento del 1173, nel Quattrocento Alfonso d'Aragona lo infeudò a Pietro Camponeschi; successivamente passò sotto il controllo dei Carafa, dei Caracciolo, dei Crescenzi e dei marchesi di Santo Spirito di Napoli.

Suggeriamo una visita a:
- la cinquecentesca Collegiata di San Rocco, al cui interno sono custoditi 4 altari monumentali in legno dipinto e dorato e preziose tele del Cinquecento e del Seicento;
- la Chiesa di Sant'Antonio, al cui interno è possibile ammirare una bella acquasantiera del Cinquecento;
- la Chiesa degli Zoccolanti, così detta per l'abitudine dei monaci di indossare zoccoli in legno, ampliata nel Settecento da Carlo di Borbone;
- il Convento dei Cappuccini con annesso chiostro;
- la piccola Chiesa della Madonna del Ponte;
- il Palazzo Marchesale Camponeschi-Carafa;
- i ruderi del Forte San Carlo, eretto nel 1686 e mai portato a compimento;
- i resti di un tempio dedicato a Ercole.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.270 volte.

Scegli la lingua

italiano

english