Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Abruzzo Chieti, Pescara e Teramo Chieti

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Chieti

Descrizione

Situata nella parte centro-orientale dell'Abruzzo, lungo un crinale tra la Valle del Pescara ed il torrente Alento, Chieti vanta origini antichissime. La tradizione vuole che la città fu fondata dall'eroe greco Achille col nome di Teate, in onore della madre Teti; capitale del bellicoso popolo dei Marrucini, si alleò più volte con Roma contro Annibale, Pirro e Perseo re della Macedonia. Risale certamente al periodo augusteo la prima sistemazione urbanistica dell'antica Teate, di cui restano il tracciato viario ortogonale di alcuni quartieri e cospicui ruderi quali i Templi del foro ben conservati, una grandiosa cisterna con annesse terme, il Teatro e l'Anfiteatro, recentemente riportato alla luce. Cominciò a decadere con la fine dell'impero e, quasi distrutta dai Goti, fu vessata dai Bizantini e inclusa dai Longobardi nel ducato di Spoleto, prima, e in quello di Benevento, poi, finché divenne contea sotto i Normanni con giurisdizione su un vastissimo territorio della regione. Conobbe, in seguito, momenti di grande sviluppo con il dominio Angioino e, ancor più, con gli Aragonesi che la posero a capo di tutti gli Abruzzi, concedendole anche la facoltà di battere moneta.
Nel Seicento Chieti assunse l'attuale fisionomia, grazie anche al potere ecclesiastico che, in epoca di Controriforma, favorì il sorgere di imponenti edifici.
Costruita sulle rovine di un tempio pagano, la Cattedrale fu rifatta per la prima volta nel IX secolo. Successivamente venne rimaneggiata nei secoli XIV e XVI e rinnovata nel secolo XVIII. Si presenta a pianta basilicale a tre navate con transetto e custodisce un prezioso crocifisso ligneo del 1498, una natività del chietino Nicola De Laurentiis, un Missale miniato del XV secolo appartenuto a Papa Alessandro VI e, nella cripta situata sotto al transetto, le spoglie di San Giustino, a cui è intitolata la Cattedrale.
Il Palazzo Municipale o Nuovo Episcopio, costruito nel 1517 e successivamente rimaneggiato, conserva una tavola della Madonna del Suffragio del XV secolo.
Nel 1239, sui ruderi dell'antica Chiesa di San Lorenzo, fu costruita la Chiesa di San Francesco, a pianta basilicale con una sola navata; vi si trovano una statua lignea Vergine col Bambino del XV sec., le statue lignee di Sant' Antonio di Padova e di San Francesco del secolo XVII, un pergamo ligneo del secolo XVIII ed un quadro ad olio di scuola tizianesca raffigurante la Vergine e San Marco Evangelista.
Interessanti sono, inoltre, la Chiesa di San Domenico, già Chiesa di sant'Anna, risalente al XVII secolo, il Palazzo Vescovile e quello del Governo, la Chiesa di Santa Maria alla Civitella (XIII secolo) e l'antichissima Chiesa di Santa Chiara.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 110.055 volte.

Scegli la lingua

italiano

english