Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Abruzzo Chieti, Pescara e Teramo Lanciano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Lanciano

Descrizione

A metà strada tra i monti della Majella e il Mar Adriatico, Lanciano fu fondata, secondo la tradizione, da Solimo, compagno di Enea nel 1181 a.C.. In realtà, al di là della leggenda epica, recenti ritrovamenti archeologici attestano la presenza in loco di stabili insediamenti abitativi risalenti all'Età del Bronzo (XII-X secolo a.C.).
Divenuto "municipium" romano, giocò un ruolo strategico-militare e commerciale di gran rilievo, trovandosi lungo l'asse di collegamento tra Roma e la Puglia. Più volte saccheggiata dai barbari, dopo la caduta dell'Impero Romano, nel VII secolo fu ricostruita sul colle Erminio (Lanciano vecchia). Nel 700 circa avvenne, nella chiesa dei monaci di San Basilio, il famoso "Miracolo Eucaristico", che tuttora si venera nella sovrastante chiesa di San Francesco.
All'epoca della conquista dei Normanni (1060), vi erano già tre nuclei abitati sui tre colli che costituiscono l'attuale centro storico e che si stavano cingendo di una unica, forte cerchia di mura.
I re normanni, dapprima, quelli svevi, angioini e aragonesi, successivamente, le concessero lo stato di "città demaniale" (ossia non soggetta ad alcun feudatario, ma di diretta proprietà del re).
Nel 1640 perse i privilegi di città demaniale e fu venduta dal Vicerè di Napoli al duca Castro di Pallavicini e, successivamente, fu ceduta al marchese d'Avalos.

Da visitare:
- la Basilica della Madonna del Ponte, così detta perché realizzata sull'antico ponte di Diocleziano. In origine nacque come una piccola cappella dopo il ritrovamento, nell'XI secolo, di una statua bizantina della Madonna col Bambino. Nel XIV secolo, in luogo della cappella, fu realizzata una struttura molto più ampia che ricopriva l'intero ponte. Tra il '700 e l'800 la chiesa fu completamente ristrutturata su disegno di Eugenio Michitelli. La facciata presenta un avancorpo costituito da un portico a tre luci, con colonne sormontate dalla balaustrata di una terrazza.
- la Chiesa di Santa Maria Maggiore, costruita nel XIII secolo secondo i dettami dell'architettura cistercense-borgognona;
- la Chiesa di San Francesco, realizzata nel 1258 al posto di una struttura preesistente risalente al VII secolo. All'interno, sull'altare maggiore, è possibile ammirare la teca con le reliquie del Miracolo Eucaristico.
- la Chiesa di San Nicola di Bari, realizzata nel XIV secolo sui resti della precedente Chiesa di San Pellegrino, distrutta da un incendio;
- la Chiesa di San Biagio, la più antica della città, già menzionata in un documento del 1059 e caratterizzata da un impianto romanico con semplici decorazioni ed un campanile di epoca successiva;
- i resti delle antiche mura di difese con la Porta San Biagio (IX secolo) e le Torri Montanare;
- le botteghe medievali, splendido esempio di architettura civile quattrocentesca;
- il ponte di Diocleziano, risalente al III secolo; fortemente danneggiato dal terremoto del 1088, fu ricostruito nell'XI secolo ed ampliato con cinque archi a sesto acuto. E' possibile, tuttavia, ripercorrere l'antico attraversamento, detto "corridoio";
- il Palazzo dell'Arcivescovado, realizzato nel XVI secolo dopo l'istituzione della diocesi di Lanciano;
- il Teatro Fenaroli (1842) in stile neoclassico;
- Fonte del Borgo e Fonte grande di Civitanova.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.056 volte.

Scegli la lingua

italiano

english