Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Monteprandone Grappe Vini e Prodotti Tipici Tenuta Colle del Giglio Marche

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Monteprandone

  • Il Conte Vini Villa Prandone Marche

    Il vigneto è situato su di una collina nelle vicinanze di Monteprandone, nel sud delleMarche, al confine con l'Abruzzo. Dal giardino della cantina il panorama si apre su colline e valli picchittate di borghi e frazioni, incorniciate da un lato dal blu...

  • Tenuta Colle del Giglio Marche

    Colle del Giglio. Perché il giglio? Perché durante i lavori di scasso per l'impianto di nuovi vigneti in azienda è emerso un fregio di terracotta che riproduce un giglio. Secondo esperti archeologici potrebbe trattarsi di un decoro di epoca romana; non...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Tenuta Colle del Giglio Marche

Produzione Vini di Qualità Montepulciano Chardonnay Cabernet Sauvignon Merlot Monteprandone Ascoli Piceno Marche Italia

Contatti

Monteprandone Contrada Solagna, 26 +39 0735 764355 +39 0735 769238

Descrizione

Colle del Giglio. Perché il giglio? Perché durante i lavori di scasso per l'impianto di nuovi vigneti in azienda è emerso un fregio di terracotta che riproduce un giglio.
Secondo esperti archeologici potrebbe trattarsi di un decoro di epoca romana; non si sa perché si trovasse qui, probabilmente è caduto durante un trasporto,anche se una leggenda popolare vuole che su questi poggi un tempo vi sia stata una magnifica villa di era imperiale...E siccome è bello credere alle leggende, Benito Amabili ha deciso di adottare il nome di Tenuta Colle del Giglio. Non a caso il giglio,da sempre, è il più nobile dei fiori e simbolo di bellezza e fertilità!

Ma il legame di Amabili con la terra è ben più remoto perché risale alla sua infanzia ove il bisnonno, un tempo proprietario terriero, gli ha trasmesso l'amore e la passione per la terra e per il vino. È nel 1970 che questa passione si concretizza con l'acquisto di una piccola proprietà vitivinicola battezzata con il nome di Villa Ragnola, nome del ruscello che tuttora le fa da confine.
Ma è nel corso degli anni che il sogno di una vita, quello che prima veniva quasi considerato un hobby, diviene qualcosa di molto più importante, cambia, matura, richiede passione e sempre più impegno, e cresce fino a divenire nel 2002 realtà...la Tenuta Colle del Giglio.

L'azienda, situata sulle colline alle spalle di San Benedetto del Tronto, si compone di 120 ettari di terreni, parte vitati e parte boschivi. Ogni singolo vigneto è stato studiato profondamente dal punto di vista geologico,podologico,climatico e vitivinicolo.
Molte le varietà di vitigni presenti in azienda dal Montepulciano al Cabernet Sauvignon, dal Merlot al Syrah, dal Cabernet Franc al Sangiovese, dallo Chardonnay al Sauvignon Blanc.

La convivenza di tante tipologie è permessa da un microclima, a detta degli esperti, particolarmente ottimale caratteristico proprio di questa zona; difatti ne da testimonianza la splendida macchia mediterranea spontanea che fa da contorno a tutta la tenuta!
Il motto di questa azienda è "l'innovazione nella tradizione", si cerca difatti, di assecondare il più possibile la natura come vuole la tradizione, e di agire solo con interventi mirati e tempestivi come solo una viticoltura moderna rispettosa dei sacri principi dell'ecologia sa fare!

"...Si potrebbe parlare di filosofia aziendale, di mission, ma preferisco usare parole più semplici e soprattutto, parole che rispecchiano meglio me e la mia azienda: passione e volontà.
Passione, questa è la chiave di tutto. Solo se hai passione nelle cose che fai e solo se credi fortemente in ciò che fai riuscirai a vivere meglio; se poi riesci a trasmettere questa passione, questo "accentuato entusiasmo" come spesso lo definisco, allora riuscirai ad essere felice. Ma la passione da sola non basta occorre anche una buona dose di volontà poiché solo con la volontà e la determinazione riesci a trasformare un sogno in realtà, realtà, che per essere portata avanti necessita di una costante combinazione di questi due fondamenta ..."
Ed è proprio questo quello che è successo: una grande passione, quella di Amabili per la terra e per il vino, che ha portato alla nascita della Tenuta Colle Del Giglio, e la sua volontà e determinazione che lo portano a voler offrire solo il meglio!
L'estrema ricerca della qualità, l'innovazione nella tradizione, la raffinatezza e l'esclusività sono dei veri e propri motti della Tenuta Colle Del Giglio ed i suoi prodotti ne sono i più fedeli testimoni!

La vite: impianti e raccolta

La Tenuta Colle del Giglio dispone di circa 120 ettari di terreni, parte boschivi e parte di vigneti di diverse tipologie e impiantati in periodi successivi.
Una buona parte di essi sono presenti nella Tenuta da decenni come, ad esempio, il vitigno Montepulciano, il Cabernet Sauvignon, lo Chardonnay ed il Sauvignon Blanc, vitigni che, a partire dal 2002, sono stati reimpiantati con una più moderna concezione, quella ad alta fittezza di ceppi per ettaro, per produrre meno e meglio.
Inoltre sono presenti altre tipologie di vitigni internazionali come il Syrah, il Cabernet Franc ed il Merlot.
La produzione, grazie a severe potature e diradamenti, si attesta intorno ai trentacinque quintali di uva per ettaro, un quantitativo tre-quattro volte inferiore alla media regionale.

Il diradamento avviene al momento dell'invaiatura, cioè nel momento in cui l'uva cambia colore; questo permette di anticipare la maturazione e di concentrare le sostanze dell'uva in un numero ristretto di grappoli, con il risultato, ovvio, di aumentare la qualità del frutto.
La vendemmia è attentamente programmata grazie a numerosi rilevamenti per riuscire a cogliere nel momento giusto il grappolo perfetto.
La raccolta avviene in cassette e rigorosamente a mano in periodi che si aggirano intorno alla seconda e terza decade di agosto per i vini bianchi, come lo Chardonnay e il Sauvignon Blanc, mentre per i vini rossi il periodo di raccolta va dalla prima decade di ottobre, per le varietà precoci come il Merlot ed il Syrah, all'ultima decade di ottobre, per le varietà più tardive, come il vitigno Montepulciano ed il Cabernet Sauvignon.
Una volta raccolti, questi grappoli vengono ulteriormente selezionati prima di giungere al processo di vinificazione.

In cantina: la lavorazione e l'affinamento

Ugualmente accorta è la lavorazione delle uve in cantina che, come detto in precedenza, al loro arrivo e prima del processo di vinificazione, vengono puntualmente selezionate. Anche l'affinamento del vino è particolarmente curato, si utilizzano solo barriques nuove ed i lunghissimi soggiorni del vino a contatto delle proprie fecce ne permettono l'estrazione di aromi che regalano carattere al vino stesso; l'ulteriore affinamento dei vini in bottiglia si effettua in azienda in locali climatizzati e soltanto quando si ritiene che il vino abbia raggiunto la perfetta maturità, viene messo in commercio.
Diverso è il processo di vinificazione dei vini bianchi da quello dei vini rossi. Descriviamo,brevemente, le principali fasi di entrambi i processi produttivi.

Processo produttivo per la vinificazione dei vini bianchi

Come accade per le uve rosse, anche le uve bianche vengono attentamente selezionate prima di essere introdotte in cantina ed essere così vinificate.
L'uva, preventivamente raffreddata, viene avviata direttamente alla pressa ed è proprio la pressatura la prima fase del processo di vinificazione ed è qui che si provvede alla separazione della frazione liquida dalle parti solide. Del mosto fiore ottenuto ne viene utilizzato una percentuale che si aggira intorno al 30% , quantità che viene introdotta in serbatoi di acciaio inox e avviata alle fasi di lavorazioni successive.

Dopo la decantazione naturale, si arriva alla fase di fermentazione alcolica, condotta ad una temperatura controllata inferiore ai 20°C, più precisamente la temperatura è di 16/18°C; a questo punto, per la tipologia Chardonnay, la fermentazione prosegue in barriques, mentre per la tipologia Sauvignon, la fermentazione continua in serbatoi di acciaio inox.
A fermentazione ultimata, il prodotto viene mantenuto a contatto con le proprie fecce per un periodo che varia in funzione delle caratteristiche dello stesso ed è più o meno lungo a seconda delle necessità di trasmissione dei costituenti dei componenti le cellule lisate dei microrganismi in esse stesse contenute.
L'ultima fase è quella dell'affinamento del vino che, come già accennato, per alcune tipologie comincia in barriques e per altre in serbatoi di acciaio inox, infine, per tutte, termina con quello in bottiglia. Il periodo di affinamento varia da 6mesi per il Sauvignon a un anno per lo Chardonnay.

Processo produttivo per la vinificazione dei vini rossi

La fase che segue il trasporto in cantina delle uve è quella della diraspatura; in tale fase si provvede alla separazione dei raspi dagli acini ed alla leggera schiacciatura degli acini stessi.
Il prodotto così ottenuto viene avviato al fermentino con l'ausilio di una pompa; a questo punto entriamo nella fasi, rispettivamente, di fermentazione e macerazione.
Il mosto subisce la fermentazione alcolica e, attraverso il processo di macerazione delle bucce, la frazione liquida si arricchisce delle sostanze in esse contenute; durante la fermentazione vengono eseguiti i rimontaggi e le follature per favorire la dissoluzione delle sostanze contenute nelle bucce. La frequenza di tali operazioni varia in funzione delle caratteristiche delle uve e dei risultati che si intendono raggiungere. La macerazione viene effettuata a temperature di 24-26°C e dura dai 40 ai 50 giorni.
Terminata la fermentazione ed il periodo di macerazione desiderato si procede all'operazione di svinatura per separare la frazione liquida dalle parti solide. Una volta separate le vinacce dalla parte liquida, queste vengono avviate alla fase di torchiatura , mentre ,a seguito delle operazioni di svinatura,- il vino che si presenta torbido viene stoccato per uno-due giorni in contenitori di acciaio inox permettendo la separazione delle fecce grossolane.
Dopo tale periodo si passa alla fase di imbottamento: qui il vino con le proprie fecce fini viene imbottato in barriques da 225 litri e da 160 litri dove sosterà per periodi che vanno dai 12 ai 18 mesi a seconda della tipologia di vino. Le fecce che si formano sul fondo delle barriques vengono mosse settimanalmente, viene eseguita cioè la tecnica del batonnage.
La temperatura della cantina viene mantenuta costante intorno ai 20° C al fine di facilitare la fermentazione malolattica.
Infine, oltre al già citato invecchiamento in barriques, il vino viene ulteriormente affinato in bottiglia per un periodo di 12 mesi. Solo dopo tale periodo il vino è pronto per essere consumato.

Il batonnage

La Tenuta Colle del Giglio, ad alcuni dei suoi prodotti, in cantina applica la tecnica del "batonnage".
Di origine francese, essa consiste nel rimescolamento del vino all'interno delle botti piccole (barrique) con un agitatore (in francese=baton) che muove le fecce fini, ovvero i sedimenti di fermentazione, depositate sul fondo per farle salire in superficie e rimetterle in sospensione. Il "batonnage" viene effettuato per qualche minuto alla settimana, per ciascuna barrique, per un periodo minimo di sei mesi, con un bastone di acciaio alla cui estremità sono attaccate delle catene, imprimendo un movimento rotatorio in varie direzioni in modo da raggiungere tutti i punti della barrique.
L'applicazione di tale tecnica ha numerosi effetti positivi sulla qualità del vino in quanto oltre a donare ad esso una maggiore struttura, ne aumenta l'eleganza, la complessità del profumo e sapore del vino. Inoltre i vini soggetti al "batonnage" tendono ad essere più delicati e quindi meno astringenti, con tannini meno aggressivi aumentandone contemporaneamente la morbidezza e l'avvolgenza. Infine essa oltre ad aggiungere corpo al vino, lo stabilizza migliorandone la longevità.

Il packaging

Come nella ricerca della qualità, come nella cura della coltivazione e nella professionalità della produzione, così anche nel packaging la Tenuta Colle del Giglio cerca di fare il meglio possibile!!
Proprio per seguire questa linea di pensiero, sono state scelte delle eleganti cassette in legno per confezionare le altrettanto eleganti bottiglie della Tenuta. La ricerca della qualità, è, per la Tenuta Colle del Giglio, una ricerca a 360° ; nulla è lasciato al caso, packaging compreso!

Mappa

La pagina web di questa struttura è stata visitata 13.478 volte.

Scegli la lingua

italiano

english