Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Fano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Fano

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "Fanum Fortunae" (città della Fortuna, dal nome di un tempio dedicato alla dea). Comune in provincia di Pesaro-Urbino, situato sulla costa, poco distante dalla foce del Metauro e dal fiume Arzilla, il nucleo più antico dell'abitato è collocato su un terrazzo alluvionale, circondato dalle aree urbane di più recente creazione. La sua particolare posizione gli è stata favorevole dal punto di vista economico, rendendolo un vivace centro ove è attiva l'agricoltura, la pesca, il turismo, l'artigianato e la produzione industriale.
Le origini di Fano restano sconosciute: la prima citazione dell'abitato fa riferimento al 49 a.C., epoca in cui Caio Giulio Cesare occupò il suo territorio, oltre quello di Ancona e Pesaro. All'epoca di Augusto si strutturò secondo lo schema tipico dell'urbe romana, riconoscibile ancora oggi, ed assunse grande importanza. Fu fatto circondare da mura dotate di torrioni, tuttora parzialmente visibili. La colonia augustea, distrutta dai Goti e molto lentamente ricostruita, entrò a far parte della Pentapoli sottoposta al controllo di Ravenna e dall'VIII secolo in poi del Papato. Alla fine del X secolo divenne libero Comune e fu coinvolto in annose guerre municipali che lo costrinsero a stringere un patto duraturo con la Serenissima. Seguirono le lotte tra Guelfi e Ghibellini che ebbero termine nel 1357 con la signoria dei Malatesta. Solo a metà del XVI secolo Fano conquistò un periodo di tranquillità che favorì la costruzione di edifici di culto, del porto-canale e vi fu un grande sviluppo culturale.

Da vedere:
La cattedrale, fondata prima dell'XI secolo e distrutta da un incendio, fu ricostruita nel 1140. L'attuale facciata conserva uno splendido portale in stile romanico, sormontato da un rosone. Al suo interno un pulpito romanico e la splendida cappella Nolfi, risalente al XVII secolo, affrescata dal Domenichino.
La chiesa di Santa Maria Nuova con un portico cinquecentesco e portale quattrocentesco reca tracce di una prima costruzione medievale e delle successive rinascimentali e settecentesche. All'interno una Pietà di autore ignoto e due opere del Perugino.
La chiesa e le logge di San Michele in stile rinascimentale. La chiesa ha un pregevole portale cinquecentesco ornato di statue.
La chiesa di San Domenico, edificata originariamente nel Trecento, è stata totalmente ristrutturata nel XVIII secolo.
La chiesa di Sant'Agostino situata sui ruderi di una costruzione romana.
La chiesa di Sant'Antonio Abate a pianta ottagonale.
La chiesa di San Silvestro in stile barocco.
La chiesa di San Pietro in Episcopio.
La chiesa di San Pietro in Valle.
Il palazzo dei Malatesta, edificato nel XV-XVI secolo, è composto da diversi edifici, un'ala possiede un arioso porticato ad archi molto ampi, sorretti da colonne fornite di capitelli. La loggia superiore, detta del Sansovino, è interrotta da eleganti bifore. Ospita il Museo civico e la Pinacoteca, quest'ultima conserva dipinti trecenteschi, un polittico del Quattrocento del Giambono, un angelo seicentesco del Guercino ed un'Annunciazione, anch'essa seicentesca, opera del Reni.
L'Arco di Augusto, costruito in pietra ricoperta di travertino, fu terminato nel 9 d.C. ed era posto all'ingresso dell'antico decumano. Si presenta privo della parte superiore, abbattuta nel 1463 durante l'assedio posto in essere dalle truppe di Federico da Montefeltro.
Il medievale palazzo della Ragione, edificato nel 1299 in pietra e laterizi dal Paulutius, presenta bellissime quadrifore.
Palazzo Montevecchio in stile tardo-barocco è uno sfarzoso edificio settecentesco.
La torre dei Bartolelli è un edificio medievale privo della parte superiore.
La Rocca Malatestiana del XV secolo con mura merlate e fossato.
Palazzo Martinozzi della seconda metà del XVI secolo.
Le mura augustee interrotte da torrette cilindriche.
La casa degli Arnolfi del Quattrocento.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 49.659 volte.

Scegli la lingua

italiano

english