Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Ancona

I più visitati in Ancona

  • Marchetti Vini Marche

    L'Azienda Agricola del Dott. Mario Marchetti ha alle spalle una lunga tradizione vinicola, iniziata nel secolo scorso dagli antenati di questa famiglia. È situata alle porte di Ancona, nel cuore del comprensorio del Rosso Conero D.O.C. ed accoglie, in...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ancona

Descrizione

Protesa verso il mare, Ancona sorge su di un promontorio che crea un'insenatura naturale, approdo ideale per le imbarcazioni; infatti il nome della città deriva dal greco "ankon", che significa per l'appunto "gomito". La città fu fondata dai Greci di Siracusa nel IV sec. a.C., raggiungendo l'apice dello splendore sotto l'imperatore romano Traiano, cui è dedicato uno splendido arco trionfale.
Nell'848 fu saccheggiata dai Saraceni che, nelle acque dell'adriatico, sconfissero la flotta alleata veneto-anconitana. Ciò nonostante, la città risorse e nel corso dell'XII divenne libero comune e città marinara, respingendo due potenti assedi, quello di Lotario II (1137) e di Federico Barbarossa (1167).
A causa della scoperta dell'America, e della caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi, il centro dei commerci si era ormai spostato dal Mediterraneo all'Atlantico e per tutte le città marinare italiane, compresa Ancona, iniziò un periodo di recessione che durò per tutto il XVII secolo e ebbe sollievo solo con papa Clemente XII, che nel 1732 concesse il porto franco, grazie al quale l'economia vide una nuova luce.
Pregevoli ritrovamenti greci e piceni sono conservati al Museo Archeologico ed al Museo Civico, mentre i resti di un tempio dorico dedicato ad Afrodite sono stati rinvenuti in prossimità del Duomo.
Simbolo della città di Ancona è l'Arco di Traiano, elegante esempio di arte romana, realizzata da Apolloro di Damasco in marmo dell'Imetto e colonne corinzie. In passato era adornato anche da statue e fregi, scomparsi durante i saccheggi dei Barbari e dei Saraceni.
Altro simbolo della città è il Duomo di San Ciriaco (XI-XIII secolo): la facciata è realizzata in pietra bianca e rosa del Conerio e presenta uno splendido portale. All'interno ricordiamo la Cappella della Madonna con l'altare del Vanvitelli e la cripta dei Ss. Ciriaco, Liberio e Marcellino.
Nello specchio d'acqua antistante il porto sorge la Mole Vanvitelliana o Lazzaretto, edificio a pianta pentagonale realizzata dal Vanvitelli con funzioni per lo più militari, anche in vista della riorganizzazione urbana di Ancona verso il mare in direzione sud e per garantire l'immunità da epidemie che avrebbero potuto portare merci e persone provenienti da luoghi riconosciuti come sospetti. Al centro della struttura sorge un tempietto in stile neoclassico dedicato a San Rocco.
La fortezza Sangallo, nota anche come Cittadella, sorge su uno dei punti più alti della città e costituiva nel Cinquecento il principale strumento di difesa nel punto di entrata alla città (l'attuale piazza Sangallo) e le sue mura furono, dalla fine del Settecento, collegate tramite fortificazioni a Porta Pia.
Meritano, infine, di essere menzionati anche la Chiesa di San Francesco delle Scale (XIV-XVIII secolo), in posizione scenografica in cima ad una gradinata, con portale gotico-veneziano ricco di statue e rilievi, opera di Giorgio Orsini da Sebenico (1459); all'interno opere di Lorenzo Lotto (grande pala dell'Assunta) e di Pellegrino Tibaldi. La Chiesa del Gesù (XVIII sec.) di Vanvitelli; il gotico Palazzo degli Anziani con facciata barocca (ora sede dell'Università); il cinquecentesco Palazzo Ferretti, oggi sede del Museo Archeologico delle Marche.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 82.879 volte.

Scegli la lingua

italiano

english