Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Montefiore dell'Aso

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Montefiore dell'Aso

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino "Mons Floris" ed onora la dea Flora. Comune collinare in provincia di Ascoli Piceno, il suo territorio è attraversato dal fiume Aso. Non distante dal mare, dalla sua posizione privilegiata è possibile usufruire di un'ampia panoramica sui Monti Sibillini. È un borgo medievale appartenente alla zona interna della regione Marche, il cui centro storico si presenta quasi intatto con le sue porte d'accesso, la cinta muraria ed i torrioni edificati nel XV e nel XVI secolo. Conserva intatte le sue tradizioni gastronomiche; apprezzati sono anche i vini prodotti nella zona.
Dai reperti rinvenuti si evince che la zona fu frequentata già in età preistorica, precisamente sin dall'Età del Ferro; successivamente vi si insediarono i Romani. Tra il III ed il V secolo divenne sede di una pieve con giurisdizione su un vasto territorio. Fonti documentali attestano la presenza nel XII secolo di due castelli, Aspromonte e Montefiore, dalla fusione dei quali nacque il comune. Nel XIV secolo la zona passò sotto il controllo della città di Fermo e nel Quattrocento sotto il dominio diretto dello Stato Pontificio che lo protesse rinforzando la cinta muraria. Nel periodo successivo, fino al Settecento, si successero al governo del paese nobili famiglie nominate dalla Chiesa.

Da vedere:

La chiesa di San Francesco fu costruita in stile romanico-gotico tra la prima metà del Duecento ed i primi anni del secolo successivo. Nel corso degli anni ha subito radicali rimaneggiamenti, presenta un interno in stile barocco, un portale trecentesco e conserva al suo interno un monumento sepolcrale del XIV secolo ed affreschi attribuiti al Maestro di Offida.
La chiesa di San Filippo Neri, costruita sulla preesistente chiesa cinquecentesca di Santa Maria del Monte, fu ristrutturata alla fine del Seicento.
La collegiata di Santa Lucia, edificata originariamente tra il III ed il V secolo, fu ricostruita in epoca successiva completamente in stile neoclassico, contiene affreschi del Fontana.
La chiesa di Santa Maria delle Grazie.
La chiesa di Santa Maria della Fede.
La chiesa di San Giovanni Battista.
La chiesa del Corpus Domini.
La casa natale del pittore De Carolis.
Il polo museale di San Francesco.
Il Belvedere De Carolis.
Il Parco De Vecchis.
Palazzo Simonetti.
Palazzo Montani.
Palazzo Vitali.
Palazzo Egidi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.737 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english