Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Monterado

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Monterado

Descrizione

Circa il toponimo, la tesi più accreditata è quella che lo vuole far derivare da "monte arato". Comune in provincia di Ancona, situato su una collina alle spalle di Senigallia, ai confini con la provincia di Pesaro-Urbino, il territorio è attraversato dal fiume Cesano ed è particolarmente adatto alle coltivazioni; recentemente si sono diffuse in zona numerose attività legate al mondo della nautica: dalla costruzione di imbarcazioni alla creazione di accessori apprezzati per precisione e cura dei particolari. L'abitato, circondato dal verde, è dominato dalla mole del castello ed attraversato da piccole strade.
La nascita dell'abitato è alquanto recente dal momento che risale alla seconda metà del XIII secolo, epoca in cui agli abitanti di Francavilla di Castel Colonna fu concesso di insediarsi sulla collina sulla quale oggi sorge il paese. Tuttavia la zona fu frequentata dall'uomo sin dai tempi più antichi: lo evidenziano i reperti rinvenuti. Monterado fu sotto il dominio dei Malatesta per circa duecento anni; nella seconda metà del XV secolo subentrarono al governo del territorio i Della Rovere e fino al XVII secolo fece parte del Ducato di Urbino. Passò, poi, sotto il controllo del legato pontificio. Nel periodo napoleonico appartenne ai Duchi di Leuchtenberg e divenne parte della provincia di Ancona dopo l'unità d'Italia.

Da vedere:

La chiesa di Santo Stefano, situata fuori le mura, presenta in facciata una originale decorazione in ceramica.
La chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore caratterizzata da una insolita abside rivolta ad occidente.
Il castello seicentesco, commissionato dai Gesuiti, nelle forme attuali fu progettato dal Vanvitelli a metà Settecento, fu assegnato ad Eugenio Beauharnais, successivamente divenne proprietà della Santa Sede, venduto al Conte Cerasi, divenne infine proprietà di Alessandro Cinciari. Attualmente adibito ad hotel, è un imponente ed elegante edificio preceduto da un bellissimo parco. È rimasto intatto negli anni, alcuni saloni sono decorati dagli affreschi del Corradi realizzati nell'Ottocento. Dalla sua posizione è possibile scorgere il mare.
Le mura malatestiane.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.682 volte.

Scegli la lingua

italiano

english