Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Morro d'Alba

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Morro d'Alba

  • La Quercia Vini Abruzzesi

    Piccola azienda agricola attualmente gestita da tre giovani soci: Lamona Antonio enologo con esperienza ultra decennale nel campo vinicolo; Elisabetta Di Berardino, socio amministratore con esperienza lavorativa decennale nel settore enologico e Fabio...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Morro d'Alba

Descrizione

Il toponimo richiama il cippo, anche detto mora, che anticamente segnava il confine tra il territorio di Senigallia e di Jesi. Comune in provincia di Ancona, situato a poca distanza dal mare, dalla sua posizione privilegiata, sovrastante l'area circostante, si gode un panorama che giunge fino all'Adriatico. Il territorio comunale, oltre al capoluogo, comprende le due frazioni di Santa Maria e Sant'Amico. È un tipico borgo murato: la cinta muraria è di epoca quattrocentesca, con un camminamento interno detto "Scarpa" e sei torrioni a base pentagonale; numerosi sono anche gli altri edifici che attestano l'importanza assunta dal paese nel corso dei secoli. Morro è famoso per la produzione di vini, primo fra tutti la Lacrima di Morro d'Alba.
Il rinvenimento di una tomba di epoca romana testimonia con certezza che la zona è stata abitata già in quel periodo, benché la presenza dell'abitato sia stata documentata da atti più tardi, datati intorno all'anno Mille. Appartenuta per un periodo a Senigallia, la città fu ceduta nella prima metà del XIII secolo a Jesi, venendo a costituire parte della Respublica Aesina. Nel XIV secolo fu attaccata da Fabriano, mentre nel XV da Ancona. Il comune di Jesi perse il controllo sul territorio di Morro solo nel periodo napoleonico. Le vicende storiche successive sono quelle che hanno caratterizzato l'intera regione, tra cui l'entrata a far parte del Regno d'Italia.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale di San Gaudenzio, risalente al XVIII secolo, si trova nel centro del paese.
La chiesa del Santissimo Sacramento conserva due tele del Seicento ed antichi arredi.
La chiesa di San Benedetto, caratterizzata da un'unica navata, custodisce un dipinto del Cinquecento.
La chiesa della Santissima Annunziata.
La chiesa di Santa Maria del Fiore.
Il Municipio, edificato nel XVIII secolo, conserva varie opere, tra cui una pala d'altare del Ridolfi ed una tela seicentesca.
Le antiche mura nelle quali si aprono portici che creano un camminamento di ronda coperto.
Il Museo Utensilia raccoglie utensili usati nelle attività agricole.
La Loggia dei Mercanti.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 23.702 volte.

Scegli la lingua

italiano

english