Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Marche Costa Marchigiana Gradara

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Gradara

Descrizione

Il toponimo deriva dal latino Grata Aura: il nome allude al clima mite che caratterizza la località durante tutto l'arco dell'anno. Gradara è un comune in provincia di Pesaro-Urbino, situato presso la Valle del Tavollo, su un colle coperto dal verde, a poca distanza dal Mare Adriatico e dai confini con la Romagna. È la città di Paolo e Francesca (gli amanti resi celebri da Dante Alighieri nel V canto dell'Inferno) ed il tempo sembra che qui si sia fermato al Medioevo, tanto è rimasta ben conservata. Visitare Gradara è come tornare indietro nel passato, respirando atmosfere suggestive, ammirando la cinta muraria decorata dalla merlatura e dai beccatelli, subendo il mistero del castello con le sue torri ed i suoi camminamenti di ronda, ed il fascino dei tanti angoli del centro storico.
L'originario villaggio subì la colonizzazione da parte dei Romani. Caduto l'Impero romano fu conquistato dai Bizantini; seguì un periodo in cui fu diviso tra feudatari e vescovi. Dal XIII alla metà del XV secolo fu governato dai Malatesta, a cui si deve la edificazione di mura e castello; dal 1463 prese potere Federico da Montefeltro, poi gli Sforza, Cesare Borgia e i Della Rovere nel 1513. Con la morte del rappresentante di quest'ultima casata il paese tornò al papato. Il resto della storia è condiviso con la regione Marche.

Da vedere:

La chiesa di San Giovanni, situata all'interno del castello, risale al XIV secolo e conserva al suo interno un crocifisso del Quattrocento che ha la caratteristica di mostrarsi diverso a seconda dell'angolazione dalla quale viene osservato.
La Rocca malatestiana, edificata nel Duecento per volontà dei De Grifo, fu ingrandita nel XIV secolo dai Malatesta e nel XV dagli Sforza. Fu possesso anche di Cesare Borgia, dei Della Rovere e del papato che la concesse al Conte Santinelli, agli Omodei di Pesaro, agli Albani, al Marchese Mosca. Divenne poi proprietà comunale e nella seconda metà del XIX secolo fu concessa al Conte Morandi di Lugo, fu restaurata sapientemente nel XX secolo. Presenta doppia cinta muraria e tre ponti levatoi. Secondo la leggenda vi si consumò la tragedia di Paolo e Francesca celebrati da Dante nella Divina Commedia.
Le mura del XIV secolo che circondano il borgo e che proseguono fino alla Rocca.
Il Museo storico conserva armi, attrezzi per il lavoro nei campi e strumenti di tortura.
Il Giardino degli Ulivi contiene alberi secolari.
Il Municipio ospita una pinacoteca.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 32.360 volte.

Scegli la lingua

italiano

english