Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Orientale Tertenia

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Tertenia

Descrizione

Tertenia è un comune della provincia dell'Ogliastra, situato nella Sardegna orientale, nella valle compresa tra il Monte Ferru ed il tacco di Monte Arbu. Il territorio è fortemente variegato, dominato, nella zona dell'entroterra, da tacchi dolomitici e distese di boschi mentre la parte costiera presenta belle spiagge sabbiose e acque limpide. L'area fu interessata da insediamenti umani sin dalle epoche più remote, come attestano i manufatti risalenti al Neolitico rinvenuti in zona; molto più consistenti, invece, sono i resti del periodo nuragico, con un immenso patrimonio di ben 67 nuraghi, pozzi sacri, tombe di giganti e domus de janas. Nel Medioevo Tertenia fece parte della curatoria di Quirra; nel XIV secolo passò sotto il governo catalano-aragonese e, nei primi del Cinquecento, fu infeudato ai conti di Quirra. Nel 1839 il marchesato di Quirra fu riscattato dal governo sabaudo.
Per quanto concerne, invece, l'origine del toponimo, lo storico Lo Spano sostiene che deriverebbe dal fenicio "tzar" (fortezza), mentre, secondo altri da "Dardani" o "Tartani", ossia Troiani.

Attrazioni:
- il ricco complesso di nuraghi (Nastasi, Longu, Aleri), tombe di giganti, pozzi sacri (Sa Brèca) e domus de janas;
- la Chiesa della Beata Vergine Assunta, ricostruita negli anni Quaranta del Novecento in stile romanico moderno. E' a croce latina con una sola navata a copertura lignea. E' affiancata da un alto campanile a pianta quadrata e terminante con monofore ogivali;
- la Chiesa campestre di San Pietro, dalle forme semplici, a pianta rettangolare;
- la Chiesa campestre di Santa Sofia, in stile bizantino;
- la Chiesa di Santa Teresa, costruita nel XVIII secolo nella parte bassa di Tertenia. La facciata è caratterizzata da un bel portone in legno intarsiato sormontato da un piccolo oculo.
- il Museo Civico d'Arte Moderna dedicato allo scultore Albino Manca, originario di Tertenia e particolarmente apprezzato negli Stati Uniti;
- la torre costiera di San Giovanni, edificata nella seconda metà del XVIII secolo e fortemente rimaneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale, quando venne adoperata come bunker;
- il complesso di origine vulcanica del Monte Ferru, ricco di boschi e sentieri;
- capo Sferracavallo, suggestivo promontorio roccioso;
- la zona costiera della marina di Tertenia, in cui si alternano splendide spiagge sabbiose e suggestive scogliere (le spiagge di Foxi Manna, Melisenda, Barisoni ed il litorale di Serrala).

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 12.278 volte.

Scegli la lingua

italiano

english