Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Orientale Quartu Sant'Elena

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Quartu Sant'Elena

Descrizione

Il toponimo, nella prima, parte deriva dal latino e fa riferimento alla posizione del centro abitato situato al quarto miglio della strada che univa Palau a Cagliari e, nella seconda, onora la santa patrona del paese. Comune in provincia di Cagliari, nella pianura del Campidano, nei pressi del massiccio dei Sette Fratelli, il territorio comprende ben 26 chilometri di spiagge molto eterogenee e lo stagno del Molentargius. È noto per la produzione vinicola, di agrumi e di dolci tipici.
Le origini del centro sono molto antiche, testimoniato dai nuraghi giunti fino a noi. Il territorio fu probabilmente abitato dai Fenici, mentre alcuni reperti attestano la presenza dei Cartaginesi. I Romani colonizzarono l'area e diedero inizio all'estrazione del sale. Con la dispersione dell'Impero romano si crearono le condizioni per le invasioni di Longobardi, Vandali e Bizantini. Infine la zona fu sottoposta al dominio dei Pisani, sotto i quali tre dei quattro villaggi che si erano venuti a formare furono riuniti in un solo abitato. Nel 1327 i nuclei unificati furono quattro e sottoposti al regno di Giacomo II di Aragona fino al 1718, anno in cui il territorio passò ai Savoia.

Da vedere:

La basilica di Sant'Elena imperatrice. L'edificio attuale risale alla prima metà dell'Ottocento, fu costruito in luogo di una preesistente chiesa andata distrutta a causa di un incendio e di cui rimangono tracce nel pulpito e nel fonte battesimale settecenteschi. La struttura è a tre navate e presenta pregevoli affreschi.
La chiesa di Santa Maria di Cepola. Le prime attestazioni sulla sua esistenza risalgono all'XI secolo, subì una modifica nel Trecento. Possiede una sola navata.
La chiesa di Sant'Agata. Il primitivo edificio fu edificato nella seconda metà del XII secolo, fu ricostruita tra il XIII ed il XIV secolo.
La chiesa di San Forzorio. La struttura originaria risaliva al XIII secolo, furono diverse le ristrutturazioni.
La chiesa di San Benedetto, risalente alla fine del Trecento, è un edificio piccolo e di grande semplicità.
La chiesa di Sant'Antonio da Padova costruita a cavallo tra l'Ottocento ed i primi anni del Novecento.
La chiesa di San Luca, situata su una collina, consente di godere di un bellissimo panorama.
La chiesa di Nostra Signora del Buon Cammino risalente al XIV secolo.
La chiesa parrocchiale di Santa Maria degli Angeli a Flumini.
La chiesa di Sant'Efisio di epoca settecentesca.
La chiesa del Sacro Cuore di Gesù.
La chiesa di San Pietro di Ponte.
La chiesa di Santo Stefano.
La chiesa di Sant'Andrea.
Il Museo Sa Domu 'e Farra, la casa della farina, custodisce oggetti tradizionali usati un tempo nella vita di tutti i giorni.
La torre di Carcangiolas.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 24.105 volte.

Scegli la lingua

italiano

english