Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Ristorante Il Cormorano Castelsardo

    Ristorante Il Cormorano Castelsardo

    Gastronomia Cucina Italiana Pesce Fresco Locale Castelsardo Sardegna Italia

  • Hotel La Corte Albertina Piemonte

    Hotel La Corte Albertina Piemonte

    Albergo di Qualità Ospitalità di Charme Camera e Colazione Hotel 3 Stelle Pollenzo Bra Cuneo Langhe Roero Piemonte Italia

  • Ceramiche Casola

    Ceramiche Casola

    ceramica positanese, piatti, vasi, oggetti in ceramica, pietra lavica smaltata, Costiera Amalfitana, Scala, Positano

  • Albadamare

    Albadamare

    Ospitalità di Charme, Piccolo Hotel di qualità, Camera e Colazione Praiano Costiera Amalfitana Provincia di Salerno Campania Italia

  • Wine AmalfiCoast Enoteca Ravello

    Wine AmalfiCoast Enoteca Ravello

    Vini Costa d'Amalfi a Ravello Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Orientale Olbia-Porto Rotondo

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Olbia-Porto Rotondo

Descrizione

Situata in un ampio golfo naturale, tra le isole di Tavolara e Molara, Olbia è ormai conosciuta come la porta della Costa Smeralda.
I primi insediamenti risalgono al Neolitico Medio (4000 a.C. circa), ma a partire dalla media Età del Bronzo, in concomitanza della diffusione in tutto l'Isola della originale civiltà nuragica, anche nel territorio di Olbia si riscontrano insediamenti nuragici, man mano sempre più numerosi: sono più di 50 quelli attualmente conosciuti e vanno dai villaggi ai pozzi sacri alle sepolture megalitiche e tra questi il Pozzo Sacro di Sa Testa, la sepoltura collettiva di Su Monte 'e s'Abe e il nuraghe Riu Mulinu a Cabu Abbas.
Ad Obia, ogni civiltà ha lasciato un segno tangibile del suo passaggio: oltre ai nuraghi, sono ben visibili i resti delle mura e di un intero isolato punico, i resti dell'acquedotto romano e del foro.
Tra i monumenti più importanti, si ricordano la Basilica di San Simplicio, realizzata tra l'XI e il XII secolo, notevole testimonianza dell'architettura romanico-pisana, il Castello di Sa Paulazza, fortificazione bizantina, il Castello medioevale di Pedres, la Chiesa di San Paolo Apostolo, probabilmente risalente all'epoca bassomedievale ma pesantemente rimaneggiata nel XVIII secolo, il Municipio, in forme liberty e neogotiche, Villa Tamponi, in forme neoclassiche, il Museo Archeologico Nazionale (Museo del Mare) ed il Testro sul Golfo di Olbia.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 48.800 volte.

Scegli la lingua

italiano

english