Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Sardegna Costa Sarda Orientale Ilbono

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Ilbono

Descrizione

Comune collinare della provincia dell'Ogliastra, situato tra Tortolì e Lanusei, Ilbono è situato sulle ultime propaggini del Gennargentu, immerso tra vigneti ed uliveti. Sebbene il toponimo, di origine pre-romana, sia accertato per la prima volta in un documento del 1341, l'area di Ilbono presenta insediamenti umani sin dal III millennio a.C., con importanti costruzioni megalitiche, menhir e domus de janas. Inglobata nel Giudicato di Cagliari in epoca medievale, successivamente passò ai Visconti, prima, ed ai Giudici di Gallura, poi. Infeudata a Berengario Carroz, fu incorporata nella contea di Quirra.
Il centro urbano si è sviluppato attorno alla piazza principale, chiamata Funtana de Idda, dalla quale partono tutte le vie del paese, alcune strette e ciottolose ed altre più ampie per consentire, in passato, il passaggio dei carri. Su di esse si affacciano splendidi balconi in ferro battuto, portoni in legno e piccole finestre prive di vetro.
Attrazioni:
- l'area archeologica di Scerì, composta da una serie di capanne circolari, un imponente nuraghe e due domus de janas, scavate in blocchi granitici;
- le chiese campestri di San Pietro e San Rocco;
- la Chiesa di San Giovanni Battista, edificata nel XVII secolo su un preesistente edificio di epoca romanica. E' a tre navate con splendidi marmi provenienti dal vecchio edificio sacro, un'acquasantiera e la vasca del battistero risalente al Settecento;
- la Chiesa di San Cristoforo, a pianta rettangolare con facciata a capanna;
- il Monte Tarè, a poca distanza dal centro abitato e facilmente raggiungibile attraverso una strada di recente costruzione, è ricoperto da una rigogliosa vegetazione di lecci; vi sono anche due sorgenti naturali.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 12.963 volte.

Scegli la lingua

italiano

english