Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Sicilia Costa settentrionale siciliana Palermo

I più visitati in Palermo

  • Villa Igiea Palermo

    Un nuovo tassello della collezione firmata Rocco Forte Hotels: Villa Igiea. Palazzo iconico della città di Palermo, direttamente sul mare e ai piedi del Monte Pellegrino, a mezz'ora di auto dall'aeroporto, venne inaugurato nel 1900 come hotel e divenne...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Palermo

Palermo - Sicily Palermo - Sicily Palermo - Sicily Palermo - Sicily Palermo - Sicily Palermo - Sicily Palermo - Sicilia Palermo - Sicilia Palermo - Sicilia Palermo - Sicilia Palermo - Sicilia

Palermo - Sicily

Palermo - Sicily

Palermo - Sicily

Palermo - Sicily

Palermo - Sicily

Palermo - Sicily

Palermo - Sicilia

Palermo - Sicilia

Palermo - Sicilia

Palermo - Sicilia

Palermo - Sicilia

Descrizione

Affacciata sul Mar Tirreno e situata ai margini della famosa Conca d'Oro, una fertilissima pianura così chiamata sin dal XV secolo per le sue rigogliose coltivazioni di agrumeti, Palermo conserva il fascino delle popolazioni e degli stili che ivi si sono succeduti nei secoli: dalle mura puniche alle ville in stile liberty, passando per le costruzioni arabe, normanne e bizantine, le chiese barocche ed i teatri neoclassici.
Il toponimo deriva dal greco, "Pan Ormos", che significa "tutto porto", ad indicare la sua posizione strategica di raccordo tra il Mediterraneo e l'Europa. Per tale motivo, sin dall'antichità, è stata terra di conquista dei SIcani, dei Cretesi, degli Elimi, dei Greci, dei Fenici, dei Cartaginesi, dei Romani, dei Bizantini, degli Arabi, dei Normanni, degli Svevi, degli Angioini, degli Aragonesi e degli Spagnoli.
Il periodo d'oro della città inizia nel IX sec. d.C. con la conquista dell'isola da parte degli Arabi che eleggono Palermo capitale del regno: la città si espande oltre i confini del centro storico detto il Cassaro (dall'arabo Al Quasr, il castello, antico nome anche della via principale, oggi corso Vittorio Emanuele). In particolare, nei pressi dello sbocco sul mare nasce la Kalsa (da al Halisah, l'eletta), quartiere fortificato e residenza dell'emiro.
Il periodo di intenso fervore artistico e culturale continua anche con la conquista normanna, avvenuta nel 1071, dando vita a quello stile arabo-normanno, splendida miscela di motivi architettonici e decorativi. A questo periodo risalgono i giardini di foggia orientale con lussuosi palazzi, come la Zisa e la Cuba.
Edificata nel 1184 in stile siculo-normanno, l'imponente edificio della Cattedrale spicca tra le altre costruzioni del centro storico per le sue torri gugliate, le sue bifore, i suoi archi intrecciati ed ogivali. Conserva la sua struttura originale nonostante le alterazioni susseguitesi nei secoli di cui la principale alla fine del '700 con l'aggiunte delle navate laterali e della cupola barocca. All'interno tra le sculture del Gagini, le tombe di Enrico VI, Federico II e di Costanza D'Aragona, anche passi del Corano incisi in una colonna insieme all'urna d'argento che conserva le reliquie di S. Rosalia protettrice di Palermo.
La Cappella Palatina, eretta nel 1130, anno dell'incoronazione di Ruggero II, all'interno del Palazzo Reale, assume un ruolo di assoluto rilievo: è senza dubbio il monumento più conosciuto della città, ricco di splendidi mosaici bizantini (gli stessi che si ritroveranno nel Duomo di Monreale), tra cui spicca il famoso Cristo Pantocratore benedicente. Si presenta a pianta basilicale a tre navate con archi ogivali e colonne di spoglio con capitelli compositi.
Il Palazzo Reale (o dei Normanni), al cui interno si trova la Cappella Palatina, fu costruito nel IX secolo su resti punici e romani. Da sempre costituisce la sede del potere politico-amministrativo della città, sede degli Emiri, Re e Vicerè ed oggi sede dell'Assemblea Regionale Siciliana.
La Chiesa ed il Chiostro di San Giovanni degli Eremiti furono costruiti da Ruggero II tra il 1130 ed il 1148. E' famosa per le sue cupole rosse, tipiche dell'arte araba-fatimita. Un piccolo chiostro è nel giardino che circonda la chiesa ricco dei profumi e dei colori esotici del gelsomino, dell' arancio, e del melograno.
Il Castello della Zisa (dall'arabo, la "splendida"), oggi sede del Museo d'Arte Islamica, fu costruito sotto il regno di Guglielmo I come residenza estiva del re. Trasformata in fortezza nel XIV secolo dopo un periodo di abbandono, poi in deposito per gli oggetti contaminati dalla peste (XVI sec.), venne trasformata (e quindi ampiamente modificata) in palazzo patrizio, fino al recente restauro che ha cercato di riportarla all'aspetto originario.
La Cuba fu costruita nel 1180 in stile arabo-normanno da Guglielmo II al centro di un ampio parco, il Genoardo, che faceva parte dei Sollazzi Regii, un circuito di palazzi situati attorno Palermo. A pianta rettangolare, è uno splendido edificio nella sua semplicità decorativa, caratterizzato da una serie di archi ogivali di diversa ampiezza, entro i quali si iscrivono altre aperture.
Menzioniamo, poi, il Teatro Massimo, il Museo Internazionale delle Marionette, il Palazzo Abatellis, in stile gotico-catalano, oggi sede della Galleria d'Arte Moderna e Medievale, il Giardino Botanico, fondato nel 1875 su progetto degli architetti Leon Du Fourny e Venanzio Marvuglia, la Chiesa di San Cataldo, dalle tre cupole rosse, la Chiesa di San Domenico, con elementi roccocò, Palazzo Scibene, il Castello di Maredolce, Palazzo Sclafani e Palazzo Chiaramonte.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 90.642 volte.

Scegli la lingua

italiano

english