Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Lombardia Milano e dintorni Nerviano

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Nerviano

Descrizione

Comune della provincia di Milano, situato a 12km nord-ovest del capoluogo lombardo, Nerviano è situato lungo l'antica strada consolare del Verbano ed attraversata dal fiume Olona, dal torrente Bozzente e dal canale Villorese. Le origini romane del borgo sono confermate oltre che dal suffisso "anus" del toponimo, anche da alcuni reperti archeologici risalenti al I-II secolo d.C. rinvenuti nel 1958 in località Costa San Lorenzo. Nel Medioevo fu centro di un esteso sitema di pievi lungo il corso dell'Olona. Nel periodo comunale Nerviano, che fa parte del contado milanese e ne segue le vicende politiche, è teatro di aspre lotte di parte tra i Visconti e i Torriani e fra gli stessi Visconti. Nei secoli XV e XVI Nerviano subisce le ripercussioni delle vicende storico - politiche e militari del ducato di Milano.
Nel periodo della dominazione spagnola il feudo di Nerviano e Garbatola viene acquistato da Marsilio Fossati; successivamente nel 1669 è venduto al capitano Prospero Crivelli e quindi, nel 1697, passa al conte Don Gaspare Prospero Po. Dall'inizio del XVIII secolo fino alla metà del secolo successivo, salvo la parentesi napoleonica, la Lombardia è sotto il dominio austriaco e Nerviano ne segue le vicende.

Siti di interesse:
- la Torre di Nerviano, in stile littorio, fu inaugurata il 12 novembre del 1933. E' una struttura di notevoli dimensioni, di forma quadrangolare, che termina con una torre campanaria, ove erano situate una sirena elettrica e la campana civica. La base si concludeva con un davanzale poggiante su una lapide monolitica con un'epigrafe inneggiante al regime del Ventennio;
- la Cappella del Buon Consiglio, fatta erigere nel 1883 su disegno dell'architetto Jacopo Cardella;
- la Parrocchiale di Santo Stefano, realizzata nel XIX secolo in sostituzione della precedente pieve, divenuta oramai troppo piccola e versante in cattive condizioni. L'originaria struttura era in stile romanico, realizzata nel XIII secolo, con campanile in stile rinascimentale. Durante i lavori di costruzione della nuova parrocchiale fu rinvenuto un cimitero altomedievale. All'interno è conservato un prezioso organo De Simoni-Carrera.
- l'Abbazia della Colorina, sorta nel 1478, ma già esistente come cappella nel 1398, dedicata all'Immacolata Concezione;
- la Chiesa della Madonna dell'Annunziata, anche detta Rotondina, antica chiesa campestre oggi completamente inurbata.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 25.694 volte.

Scegli la lingua

italiano

english