Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • La Locanda del Fiordo Furore

    La Locanda del Fiordo Furore

    Ospitalità di Qualità Albergo 3 Stelle Camere e Colazione B&B Ristorante Locanda Furore Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

  • Ceramiche Casola

    Ceramiche Casola

    ceramica positanese, piatti, vasi, oggetti in ceramica, pietra lavica smaltata, Costiera Amalfitana, Scala, Positano

  • Taxi Amalficoast

    Taxi Amalficoast

    Servizi Taxi noleggio auto con conducente mini van escursioni esclusive Trasferimenti da e per aeroporti italiani Ravello Costa...

  • Villa Armena Relais

    Villa Armena Relais

    Ospitalità di Lusso e Charme Resort Esclusivo Camere De Luxe Suite Benessere Ristorante Gastronomia Golf Club Buonconvento Siena...

  • Sorrento Driving Guide

    Sorrento Driving Guide

    Servizio di trasferimento da e per gli aeroporti della Campania, Transfer ed escursioni esclusive in Costiera Amalfitana, Tour...

tu sei qui: Home Basilicata Parco Nazionale del Pollino Castelsaraceno

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Castelsaraceno

Descrizione

Comune della provincia di Potenza, dalla struttura urbanistica tipicamente medievale, sulle origini di Castelsaraceno non c'è concordia di opinioni: secondo alcuni, infatti, il borgo sarebbe stato fondato dagli abitanti di Planula, per difendersi dai continui attacchi saraceni; secondo altri, invece, sarebbe stato fondato proprio dai Saraceni nel 1031. Distrutto da un terremoto nel 1044 ed abbandonato dai Normanni, il borgo passò sotto il controllo della signoria dei Mango che, nel 1086, lo donarono agli abati della Badia di San Michele Arcangelo. Furono, quindi, i monaci basiliani a dare un decisivo impulso alla rinascita ed alla crescita economica del paese, restando alle dipendenze degli abati fino al XV secolo. Seguirono, poi, i Sanseverino che procedettero alla costruzione del palazzo baronale, al duca Rovito, ai D'Amato, al barone Lepore di Molfetta ed, infine, ai Picinni.
Siti di interesse:
- la Chiesa del Santo Spirito, edificata dal principe Pignatelli nel 1542, e conserva un trittico del pittore D'Amico, esponente della scuola napoletana di Raffaello;
- la Chiesa di San Rocco e il Convento dei Cappuccini, di origini cinquecentesche, e situati fuori dal paese;
- il Palazzo baronale, fatto costruire nel XV secolo dai Sanseverino;
- i resti di un mulino ad acqua in località Mancusi.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 18.206 volte.

Scegli la lingua

italiano

english