Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Basilicata Parco Nazionale del Pollino Latronico

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Latronico

Descrizione

Situato all'entrata della valle del Sinni, ai piedi del monte Alpi, Latronico è un comune della provincia di Potenza, abitato dall'uomo sin dai tempi più remoti, come attestano i ritrovamenti portati alla luce nelle Grotte di Calda e risalenti all'Età del Bronzo. In località Colle dei Greci, invece, sono stati rinvenuti i resti di un insediamento appartenente a stirpe enotria.
Il toponimo deriverebbe dal greco e significherebbe "luogo nascosto".
Le prime notizie certe sul borgo si registrano nell'Alto Medioevo, quando le popolazioni circostanti decisero di abbandonare le loro originarie dimore per trovare riparo in zona più interne e difendersi dai continui attacchi di Saraceni e Longobardi. Nel corso dei secoli fu infeudato a Cola di Jonata, ai Sanseverino, ai Palmieri, ai Corcione e, infine, ai Gesuiti.
Siti di interesse:
- la Basilica Pontificia Minore di Sant'Agidio Abate, più volte ricostruita nel corso dei secoli per i crolli subiti a causa dei frequenti terremoti. Sorge nel pieno centro storico del paese e si presenta a tre navate con transetto. All'interno sono custodite pregevoli tele ottocentesche, una statua del Santo del 1570 in alabastro, una croce del Cinquecento ed un ostensorio del Settecento.
- la Chiesa di San Nicola, risalente al XII secolo e situata in uno degli scorci più caratteristici del centro storico;
- la Chiesa della Madonna delle Grazie, a navata unica con torre campanaria quadrata, custodisce all'interno un bell'altare barocco ed una statua in legno della Madonna.
- i numerosi palazzi nobiliari (Palazzo Arcieri, Palazzo Gioia ed il Palazzo comunale) con portali di gran pregio;
- i siti archeologici di Colle dei Greci (insediamento dell'VIII secolo), le Grotte di Calda (insediamenti primitivi risalenti all'Età del Bronzo) ed il pesce fossile risalente al Miocene alle pendici del monte Alpi;
- le sorgenti termali minerali La Calda.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.399 volte.

Carrello Contatti

Clicca sull'icona del carrello per creare una lista di strutture da contattare.

Scegli la lingua

italiano

english