Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Hotel Graal Ravello

    Hotel Graal Ravello

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle Piscina Panoramica Ristorante Ravello Costiera Amalfitana Riviera di Napoli Salerno Campania...

  • Hotel Rufolo Ravello

    Hotel Rufolo Ravello

    Ospitalità di Qualità Albergo 4 Stelle di Charme Piscina Ristorante Centro Benessere Ravello Costa di Amalfi Riviera di Napoli...

  • Ristorante Pascalò

    Ristorante Pascalò

    Gastronomia di Qualità Arte in Tavola Cucina Marinara Vietri sul Mare Riviera di Napoli Salerno Costiera Amalfitana Campania Italia

  • Luigi Sabino Transfers & Excursions

    Luigi Sabino Transfers & Excursions

    Trasferimenti ed escursioni in Costiera Amalfitana, noleggio con conducente Amalfi, Tour in Costa d'Amalfi, trasferimenti da Positano,...

  • Palazzo Avino

    Palazzo Avino

    Hotel 5 Stelle, Ospitalità di lusso e charme a Ravello in Costiera Amalfitana Salerno Campania Italia

tu sei qui: Home Basilicata Parco Nazionale del Pollino Francavilla in Sinni

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Francavilla in Sinni

Descrizione

E' un comune della provincia di Potenza, fondato nel XV secolo sul territorio appartenuto alla Certosa di San Nicola, donato ai monaci dalla principessa Giovanna, moglie del Principe Severino di Chiaromonte, per grazia ricevuta. Il territorio, quindi, fu abitato ben presto da famiglie di contadini e manovali delle zone limitrofe, chiamati dai monaci a coltivare queste nuove terre. Il toponimo deriverebbe dal fatto che i coloni erano affrancati dal pagamento dei tributi, tranne la decima a favore del monastero.
Rimase sotto il controllo dei certosini fino all'abolizione della feudalità.
Siti di interesse:
- il Santuario della Madonna di Pompei (XIX secolo);
- la Chiesa parrocchiale intitolata ai Santi Felice e Policarpo, al cui interno è conservato un pregevole altare maggiore intarsiato e tele del XVIII secolo;
- la Cappella di Sant'Antonio (XIX secolo);
- la Cappella dell'Assunta (XIX secolo);
- i resti dell'imponente Certosa di San Nicola, fondata nel 1395 da Vencislao, conte di Chiaromonte. Fu distrutto nei primi anni dell'Ottocento per mano di Gioacchino Murat.
- i ruderi del convento fortificato del Ventrile, ricadente nel territorio di Chiaromonte e un tempo assoggettato all'Abbazia del Sagittario;
- la fonte di acqua sulfurea, presso il fiume Sinni, nel bosco dell'Avena.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 22.049 volte.

Scegli la lingua

italiano

english