Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Pescantina

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Pescantina

Descrizione

L'opinione più accreditata vuole il toponimo derivante dal dialetto veneto antico "pescante" (pescatore). E' un comune in provincia di Verona, situato lungo la riva del fiume Adige; l'economia cittadina è basata principalmente sulle attività agricole: vi si coltivano, infatti, alberi da frutto e viti da cui si produce l'ottimo Recioto, l'Amarone ed il Valpolicella DOC.
Le origini del primitivo insediamento sono antichissime: la zona appartenne agli Arusnati. Le tracce più significative giunte fino a noi risalgono all'epoca della colonizzazione romana che apportò numerose innovazioni nonché la creazione di importanti infrastrutture, come la Via Claudia Augusta. La perdita della potenza da parte di Roma comportò disordini, decadenza ed incursioni da parte di popoli invasori. Durante il Medioevo la zona subì l'influenza carolingia, germanica e scaligera. Nei primi anni nel XV secolo il paese fu coinvolto direttamente negli scontri tra Carraresi e Veneziani. Il dominio della Serenissima determinò tranquillità, sviluppo e ricchezza fino all'arrivo di Napoleone sul finire del XVIII secolo: la popolazione subì sanguinose rappresaglie da parte dei Francesi. Seguì il governo asburgico e l'annessione nel Regno d'Italia

Da vedere:

Il Duomo di San Lorenzo Martire, risalente al Settecento, presenta una facciata ricchissima, articolata su due piani suddivisi da una vistosissima cornice e decorata da semicolonne dotate di basi e capitelli, lesene e da un portale inglobato in un arco che si ripresenta sul piano superiore. In cima si trova un timpano ed alcune statue. La struttura è affiancata da un alto campanile con caratteristiche molto eterogenee. La base ha sezione quadrata e si suddivide in due parti delimitate da una cornice, entrambe sono decorate da semicolonne, l'altra metà della struttura è a pianta ottagonale interrotta da finestre ogivali alte e strette, questa parte è rifinita da una sorta di balconata al centro della quale si trova una struttura cilindrica a più piani e sormontata da una copertura semisferica.
Il santuario della Beata Vergine della Pietà del Settecento.
La chiesa di San Michele ad Arcè risalente al XII secolo.
La chiesa di Sant'Antonio Abate del Quattrocento.
La chiesa di Santa Lucia del XII secolo.
La chiesa di San Rocco del XV secolo.
Villa Albertini-Da Sacco di epoca compresa tra il XVII ed il XVIII secolo.
Villa Vascone-Bricci di epoca cinquecentesca.
Corte La Presa del Cinquecento.
Villa Bertoldi del XVII secolo.
Villa Sparvieri del XV secolo.
Villa Quaranta del Seicento.
Il Museo Etnografico.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 27.308 volte.

Scegli la lingua

italiano

english