Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Monteforte d’Alpone

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Monteforte d’Alpone

  • Gini Vini Soave

    A Monteforte d'Alpone, zona di produzione del Soave Classico, ha sede l'azienda agricola "Gini", una realtà produttiva che da sempre rappresenta un punto di riferimento importante per la qualità dei suoi vini. I fratelli, Sandro e Claudio, si occupano...

  • La Cappuccina Vini Veneti

    I Vigneti e i Vini Oltre 30 ettari di vigneto specializzato, ad alta densità di impianto e a basse rese, coltivati da generazioni con passione immutata, nei pressi della dimora colonica, sono vocati all'ottenimento di vini di alta qualità, eleganti e...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Monteforte d’Alpone

Descrizione

Monteforte d'Alpone è un comune in provincia di Verona, posto ai confini con il territorio di Vicenza, all'apertura della Valle d'Alpone. L'economia cittadina si basa prevalentemente sulla coltivazione della vite da cui si ottiene l'ottimo Soave, in ciò favorita dalla particolare composizione del terreno, dal clima favorevole e dalla esposizione soleggiata dei terreni.
La zona fu abitata sin dalla Preistoria; di notevole importanza per il paese fu la colonizzazione da parte dei Romani che le attribuirono un ruolo di controllo e tutela della Via Postumia. Caduto l'Impero romano, il territorio si ritrovò esposto ai ripetuti attacchi dei popoli invasori, tra cui gli Ungari. Il centro appartenne dapprima ai conti Sanmbonifacio, poi fu concesso al vescovo Adelardo ed ai suoi successori. Il dominio della Chiesa perdurò fino al XVIII secolo; nei primi anni del XIX secolo Monteforte si arricchì delle frazioni di Costalunga e Borgnoligo che, fino a quel momento, erano state comuni amministrativamente autonomi.

Da vedere:

La chiesa di Santa Maria Maggiore a Monteforte fu edificata nell'Ottocento su progetto del Giuliari. Ha un aspetto imponente, preceduta com'è da un pronao con colonne in stile corinzio che sorreggono un timpano, decorato da una importante greca; uguale stile presentano i pilastri al suo interno. Conserva alcune tele di rilievo attribuite ad autori diversi. L'edificio è affiancato da un originalissimo campanile articolato su più livelli, suddivisi da vistose cornici. La base è a pianta quadrata, la cima è caratterizzata da più di un tempietto sovrapposto a forma di tamburo.
La chiesa di Sant'Antonio fu fatta costruire dai vescovi nel XIII secolo utilizzando materiali appartenuti all'antico castello, edificato nel X secolo per protezione nei confronti degli attacchi degli Ungari, e sui resti di questo.
La chiesa di San Brizio,situata a Costalunga, risale all'Ottocento e conserva due preziose tele di età compresa tra il XVII ed il XVIII secolo.
La chiesa di Santo Stefano a Brognoligo dell'Ottocento custodisce due tele settecentesche, una del Cittadella ed una del De Pieri.
La chiesa di Santa Croce di epoca trecentesca conserva antichi affreschi.
La chiesa dei Cappuccini risalente al Trecento.
Il palazzo vescovile del Quattrocento fu edificato sul sito di un preesistente edificio di cui rimane solo una torre. Il cortile interno presenta una doppia loggia con colonne marmoree, la cappella custodisce un affresco cinquecentesco del Torbido.
Palazzo Durlo Montanari del Quattrocento.
Il palazzo comunale del XIX secolo.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 35.455 volte.

Scegli la lingua

italiano

english