Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Illasi

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Illasi

  • Trabucchi d'Illasi Vini Veneto

    L'Azienda Agricola Trabucchi si trova in Val d'Illasi, nella zona a Est di Verona, a cavallo tra il Valpolicella e le terre del Soave. I 21 ettari a vigneto, 4 a oliveto e ben 400 cipressi, abbelliscono e tutelano il Colle di San Colombano, in una posizione...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Illasi

Descrizione

Il toponimo si ritiene provenga dall'antroponimo latino "Gelasius". Comune in provincia di Verona, situato in una verde valle che porta lo stesso nome del paese e del vicino torrente, nei pressi dei Monti Lessini, è un centro a prevalente vocazione agricola: famosi ed apprezzati, infatti, sono i vini che ivi si producono, come il Valpolicella Doc, il Recioto e l'Amarone.
La zona fu popolata sin dalla Preistoria, come si può evincere dalle tracce rinvenute, scelta per la particolare conformazione geografica, protetta dai monti, ricca di acqua e vegetazione. I Romani colonizzatori scelsero queste terre per la loro vicinanza alla Via Postumia, le suddivisero in centurie e le assegnarono ai veterani che qui si dedicarono prevalentemente all'agricoltura, in particolar modo alla coltivazione del lino. Con il dissolvimento della potenza romana si vennero a creare le condizioni ideali perchè nuove popolazioni potessero stanziarsi, tra queste i Longobardi che hanno lasciato ad Illasi reperti di grande rilevanza. Il paese appartenne ai Dalla Scala fino al 1387, poi fu conteso dai Carraresi, dai Visconti e da Venezia che lo inserì nei suoi domini dal principio del XV secolo. In questa fase, salvo gli scontri della Lega di Cambrai, la zona visse un periodo di tranquilla prosperità e benessere. Appartenne ai Montecchi prima ed ai Pompei poi.

Da vedere:

L'oratorio di San Rocco la cui prima costruzione risale all'Alto Medioevo. Della struttura originaria rimangono poche tracce. L'edificio attuale si presenta con una facciata semplice, caratterizzata da un timpano all'interno del quale si trova una lunetta cieca; ha subito nel corso dei secoli diversi rimaneggiamenti che ne hanno alterato irrimediabilmente l'aspetto un tempo armonioso ed equilibrato. Ad unica navata, conserva un pregevole affresco raffigurante San Cristoforo.
La pieve di Santa Giustina risalente al XVIII secolo con annesso campanile del X secolo.
La chiesa di San Colombano del Trecento.
La parrocchia di Cellore dell'Ottocento.
L'abbazia di San Zeno del XII secolo.
La chiesa di Sant'Anna del Seicento.
La chiesa di San Marco.
Il castello medievale, posto su una collina in posizione dominante, si ritiene che sia stato fatto costruire dai Pompei e distruggere da Ezzelino da Romano, sul finire del XIII secolo, e fatto riedificare dai Della Scala, benchè le opinioni non siano concordi. Non è ancora nota la funzione dell'edificio, vi è il dubbio che non abbia avuto solo una funzione militare. Esso ha condiviso le vicende storiche del paese, anche gli episodi più travagliati, finendo abbandonato all'incuria ed al trascorrere inesorabile del tempo a partire dal Seicento, epoca in cui la nobile famiglia dei Pompei, alla quale era stato donato, si trasferì altrove.
La necropoli di Arano, risalente all'Età del Bronzo, rappresenta una importante testimonianza dei costumi e dei riti sepolcrali antichi.
La necropoli longobarda, che svela il sentito culto dei morti di questa popolazione proveniente dal Nord Europa.
Villa Perez Pompei del XVIII secolo con vastissimo parco.
Villa Pompei Carlotti del Settecento.
Villa Settembrini del Quattrocento.
Villa Trabucchi.
Villa Avrese.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 34.486 volte.

Scegli la lingua

italiano

english