Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Cavaion Veronese

Strutture

I più visitati in Cavaion Veronese

  • Le Fraghe Vini Veneto

    Nata nel 62, terza di sei fratelli, coltivo vigne e produco vini a Cavaion Veronese, nel cuore della zona di produzione del Bardolino. La mia prima vendemmia è il 1984: prima di quella data le uve venivano conferite ad altra cantina. Fin da piccola a...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Cavaion Veronese

Descrizione

Secondo alcuni la prima parte del toponimo deriverebbe dal veneto con il significato di "pagliaio", mentre, per altri, dal latino "caput leonis" (testa di leone). E' un comune in provincia di Verona, sul cui territorio insistono il Monte San Michele ed il Monte Ceriel, punti privilegiati da cui si gode una vista splendida sul Lago di Garda. L'economia cittadina è basata sull'agricoltura, in particolar modo sulla coltivazione delle viti, da cui si ricava l'ottimo Bardolino.
La zona fu abitata sin dal Paleolitico; nel IV secolo a.C. i villaggi della zona furono sottoposti al dominio dei Celti e, nel I secolo a.C., dai Romani, che operarono un cambiamento profondo sull'aspetto della zona. Caduto l'Impero di Roma, giunsero le popolazioni barbariche, tra cui Ostrogoti, Longobardi e Franchi. Nel XIII secolo il paese fu sottoposto ai Della Scala e, dai primi anni del Quattrocento, alla Serenissima Repubblica di Venezia. Depredato dalle truppe francesi, spagnole e tedesche, fu inglobato dall'impero asburgico ed, infine, dal Regno d'Italia.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale dedicata a San Giovanni Battista, costruita nel XV secolo su un preesistente edificio romanico, fu completata negli anni successivi con l'aggiunta di presbiterio e torre campanaria. Presenta una facciata in stile classico ornata da quattro colonne e da un timpano. Possiede una sola navata coerente nello stile con l'aspetto esterno. Conserva al suo interno una preziosa pala della seconda metà del Quattrocento, raffigurante la Madonna con Bambino, opera del Badile.
La chiesa di Santa Croce del XV secolo si presenta in stile romanico.
La chiesa di San Michele della Bastia del IX secolo.
La chiesa dei S.S.Giovitta e Faustino del XII secolo.
La chiesa di San Gaetano del XVIII secolo.
La chiesa di San Martino del XVI secolo.
Torre Civia e villa Trabucchi del XVIII secolo.
Villa Ravignani del XVIII secolo.
Villa Cordevigo del XVII secolo.
Villa Bonazzo del XVIII secolo.
Villa Trombetta del XIX secolo.
Il Museo Civico Archeologico.
Corte Torcolo del XVI secolo.
Corte Villa del XIV secolo.
Corte Porto del XV secolo.
Corte Quaranta.
Piazzola.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 32.690 volte.

Scegli la lingua

italiano

english