Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Colognola ai Colli

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Colognola ai Colli

  • Fasoli Gino Vini Veneto

    L'Azienda Agricola Fasoli Gino è una realtà vinicola di lunga data. Dal 1925 produce vini veronesi rossi e bianchi, provenienti da vigneti della Bassa Val d' Illasi, nell'Est veronese, area a grande vocazione enologica per il tipo di terreni e per il...

  • Villa Canestrari Vini Veneti

    La sede amministrativa, la cantina di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, rinnovata da poco, ma in continua evoluzione si trova a Colognola ai Colli. Dal 2002 L'azienda applica un sistema di gestione per la qualità conforme alla nuova norma...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Colognola ai Colli

Descrizione

Colognola ai Colli è un comune in provincia di Verona, situato lì dove ha inizio la Valle d'Illasi, alle pendici dei Monti Lessini. Tra le attività su cui si basa l'economia cittadina figura l'industria, la coltivazione della vite, che dà ottimi vini, tra cui il Valpolicella e l'Amarone, e dell'ulivo.
La zona fu colonizzata dai Romani, che ivi costruirono strade, tra cui la Via Postumia, e si resero artefici della suddivisione più razionale del territorio con le "centuriae". Intorno al 148 a.C. in questi luoghi si stabilirono alcuni soldati per proteggere dai Cimbri e dai Teutoni territori importanti per i traffici di merci; solo qualche anno più tardi sorse un "vicus" romano. La zona non fu risparmiata dalle invasioni barbariche che seguirono la caduta di Roma. Divenuto comune, si ribellò a Verona e per questo, nel 1231, fu raso al suolo. Sottoposto ai Della Scala, passò ai Visconti prima ed a Venezia poi; infine fu sottoposto ai Nogarola ed ai Priuli. La restante è storia nota e comune all'intera regione.

Da vedere:

La chiesa di Santa Maria della Pieve fu edificata sulle rovine del tempio di Mercurio, come sembra provare una pietra su cui è incisa una dedica al dio Mercurio, nel XII secolo; oggi si presenta così come fu strutturata nel Seicento: bassa e larga, con tetto a capanna, tre navate e campanile a base quadrata con bifore, pinnacoli ed altissima cuspide.
La chiesa di San Zeno, edificata utilizzando materiali provenienti da una chiesa preesistente, fu completata nella seconda metà del XVIII secolo e modificata più volte nel corso degli anni.
La chiesa parrocchiale dei Santi Fermo e Rustico.
La chiesa dedicata a San Vittore.
L'oratorio della Santa Croce.
Villa Maffei Faccioli del XVII secolo.
Villa Aquadevita.
Villa Portalupi.
Villa Peverelli.
Villa Vanzetti.
Villa Spinola.
Villa Fano.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.599 volte.

Scegli la lingua

italiano

english