Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Fumane

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Fumane

  • Le Salette Vini Valpolicella

    Si racconta una bella storia, sulle colline di Fumane. La storia di una grazia ricevuta: era il 1860 e i contadini del posto, come ex-voto alla Madonna per avere liberato le loro vigne dal flagello della filossera, eressero in suo onore il santuario de...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Fumane

Descrizione

Il toponimo proviene dal latino "fumus", con riferimento alla spessa cortina di nubi che sovente avvolge, nascondendole, le sommità delle montagne vicine. E' un comune in provincia di Verona, situato nella Valle dei Progni, una delle tre che compongono la Valpolicella, delimitata dai Monti Pastello e dal Corno d'Aquilio. Il vasto territorio comunale si estende da un minimo di poco più di 150 metri ad un'altezza massima di oltre 1100 metri s.l.m..
La zona fu abitata dall'uomo sin dalla Preistoria, come testimoniano i numerosi reperti giunti fino a noi; di grande rilevanza per Fumane fu la presenza dei Romani che, oltre ai numerosi toponimi delle località circostanti, hanno lasciato tracce significative. Con il venir meno della potenza di Roma si lasciò spazio a nuovi popoli, come i Longobardi nell'Alto Medioevo. Numerose famiglie nobiliari furono proprietarie di beni in questi luoghi: i Della Scala, i Maffei, i Della Torre. Nel periodo della dominazione veneziana questa zona si arricchì di eleganti ville ammirabili ancora oggi. La storia seguente è quella del veronese.

Da vedere:

La chiesa di Santa Maria del Degnano a Vaio, di cui si conservano testimonianze documentate sin dall'anno 1163 e che fu edificata sul luogo in cui precedentemente si officiavano riti pagani.
La chiesa di San Zeno, originariamente risalente ai primi anni del XIII secolo, fu ricostruita nel Settecento su progetto del Dal Pozzo. Presenta una facciata classicheggiante, caratterizzata dalla presenza di due importanti semicolonne, dotate di capitello, che sorreggono un timpano; il portale è straordinariamente ricco ed imponente. La torre campanaria, posta sul retro, è suddivisa in diverse sezioni e sormontata da una cuspide. L'interno è ad una sola navata con pianta a croce latina. Conserva una pala cinquecentesca realizzata dal Balestra ed alcuni coevi affreschi, opera del Morone.
Il santuario della Madonna de la Salette risalente al XIX secolo.
La chiesa di San Marziale di Breonio del XV secolo.
Il Museo Botanico della Lessinia.
Villa Salle a Volta risalente al Quattrocento.
Villa Della Torre a Banchette.
Villa dei Ravignani.
Villa Marchiori.
Il Riparo Solinas in frazione Molina, una grotta preistorica abitata per un lunghissimo periodo dall'uomo, a partire da 60000 anni or sono.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 26.616 volte.

Scegli la lingua

italiano

english