Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

tu sei qui: Home Veneto Verona e dintorni Mezzane di Sotto

Strutture

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

I più visitati in Mezzane di Sotto

  • Tenuta Sant'Antonio Vini Veneto

    Passione, entusiasmo, capacità imprenditoriale ed esperienza. Quattro qualità per quattro fratelli: Armando, Tiziano, Massimo e Paolo Castagnedi. Una passione che nasce nelle vigne paterne, quando ancora bambini, lavoravano e vivevano nella campagna di...

  • Provolo Vini Veneto

    L'Azienda Agricola Provolo è posizionata nel cuore della valle collinare di Mezzane ad est del lago di garda e lì, dal 1927, porta avanti, da ben tre generazioni, l'arte vinificatoria con la cura e la maestria di chi considera il vino una vocazione. La...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Mezzane di Sotto

Descrizione

Il toponimo deriva dall'antroponimo latino "Metius" (probabilmente il proprietario di queste terre), con l'aggiunta del suffisso "-anus" indicativo di appartenenza. Comune in provincia di Verona, posto nell'omonima valle, è un centro dedito alla coltivazione delle viti, da cui si ricava il Valpolicella DOC, il Recioto, l'Amarone della Valpolicella ed il bianco di Soave.
L'area di Mezzane ha attirato abitanti sin dalle epoche preistoriche, grazie alla particolare ricchezza di acqua ed alla fertilità del suolo. Di grande rilevanza per la zona fu la colonizzazione romana che apportò sviluppo e benessere, attraverso la costruzione di importanti arterie viarie, come la Via Postumia e la Via Cara, e la centuriazione delle terre. Caduto l'Impero di Roma, paradossalmente furono le stesse strade costruite dai Romani a condurre più velocemente i popoli barbarici alla conquista del Veneto. Seguì un periodo di buio e decadenza, di cui peraltro non rimangono tracce, terminato solo nel X secolo. La dominazione veneziana, così come avvenne per il resto della regione, apportò un periodo di grande tranquillità e floridezza economica, sviluppo demografico ed edilizio, con la costruzione di eleganti ville da parte di nobili e mercanti veneziani.

Da vedere:

La chiesa di Santa Maria Assunta dell'Ottocento fu realizzata su progetto del Gottardi in sostituzione dell'edificio più antico situato nel fondovalle e per questo esposto ai danni prodotti dalle frequenti alluvioni. Conserva al suo interno una pala realizzata dal Caliari, una dal Dai Libri, una del Giarola ed una del Ridolfi.
La chiesa dei Santi Fermo e Rustico, edificata nel Settecento su una precedente pieve quattrocentesca, possiede un battistero realizzato da Bartolomeo da Massa e tele del Creara, Ugolini e del Farinati. Il campanile fu costruito nella seconda metà del XVIII secolo.
La chiesa di Sant'Ulderico di epoca seicentesca.
La chiesa di San Nicola di Bari dell'Ottocento.
Il monastero di San Cassiano dell'XI secolo.
Il campanile dell'originaria chiesa di Santa Maria Assunta risalente al XII secolo.
Villa Maffei del Settecento dotata di un parco ed abbellita dagli affreschi del Porta.
Villa Giuliari del Quattrocento contiene un affresco dei Farinati.
Villa Roja di epoca settecentesca possiede un bellissimo parco.
Villa Della Torre del Cinquecento.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 28.008 volte.

Scegli la lingua

italiano

english