Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

italiano

tu sei qui: Home Toscana Grosseto - Maremma - Argentario Grosseto

I più visitati in Grosseto

  • Poggio Argentiera Vini Toscani

    Poggio Argentiera nasce nel 1997 dall'acquisto del Podere Adua, risalente ai primi del 900, durante la Bonifica Maremmana. Gianpaolo Paglia, agronomo di origini maremmane, e Justine Keeling, marketing manager inglese cominciano a produrre Morellino di...

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Grosseto

Descrizione

Principale città della Maremma, Grosseto è uno dei pochi capoluoghi di provincia (insieme a Ferrara, Bergamo e Lucca) il cui centro storico è racchiuso da una cerchia muraria, ancora integra ed immutata nei secoli.
L'area fu abitata sin dalla preistoria, tuttavia i primi documenti che testimoniano l'esistenza della città risalgono al IX secolo; in particolare la crescita e lo sviluppo di Grosseto è legata alla decadenza dell'antica città di Roselle, distrutta nel 935 dai Vandali e dai Saraceni. Passata sotto il dominio degli Aldobrandeschi, nel 1224 fu conquistata dai senesi: inutili furono i successivi tentativi di ribellione all'egemonia di Siena.
Il trattato di Cateau Cambresis e la caduta di Siena sotto Firenze fece sì che i Medici trasformassero Grosseto in fortezza. Fu iniziata la costruzione delle mura, venne creato l' Ufficio dei Fossi, mentre prosciugamenti e reti stradali cominciarono a prendere vita.
I Medici però trascurarono Grosseto e le sue terre e solo con l' avvento dei Lorena grazie a Pietro Leopoldo, la provincia di Grosseto fu separata da Siena ed ebbe podesteria e nuovi ordinamenti politici ed economici.
La Cattedrale di San Lorenzo è, senza dubbio, il monumento più interessante della città. Sorge nel luogo dove in passato si trovava la Chiesa di Santa Maria Assunta; la facciata, anche se in parte modificata dai restauri Cinquecenteschi del Lari, ricorda lo stile romanico, soprattutto nella galleria e nel rosone. Sono opera dello scultore senese Rustichini i simboli dei quattro Evangelisti nella cornice inferiore del rosone, le slanciate finestre gotiche, i pilastri e la porta nel lato meridionale.
La Chiesa di San Francesco, in origine un importante convento benedettino, è caratterizzata da un'architettura estremamente semplice: unici ornamenti sono una cornice che corre tutto intorno all'orlo del tetto, le finestre con arco a sesto acuto, una finestra circolare e una tettoia posta sopra la porta principale, terminante con una lunetta ove è raffigurata una Madonna col Bambino e santi, ridipinta dal Casucci, che ha anche costruito il campanile, restaurato nel 1927.
Ricordiamo, inoltre, la Fortezza Medicea, edificata nella seconda metà del Cinquecento e rappresenta il baluardo nord-est delle mura, le Mura Medicee, a pianta esagonale, cingono il centro storico e furono realizzate da Francesco I nel 1574, Palazzo Aldobrandeschi, attualmente sede della Provincia, Palazzo Comunale, il Cassero del Sale, Palazzo del Vecchio Tribunale, oggi sede del Museo archeologico e d'arte della Maremma e Palazzo Tognetti, in stile liberty.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 117.333 volte.

Scegli la lingua

italiano

english